Cerca nel blog

mercoledì 13 gennaio 2016

Botticelli in Cile per festeggiare La Moneda



Dal 14 Gennaio al 15  Marzo 2016
Il Centro Cultural La Moneda di Santiago del Chile ospita 
Madonna con bambino e sei angeli
di Sandro Botticelli



La Madonna con bambino e sei angeli di Alessandro di Mariano di Vanni Filipepi detto il Botticelli, tra i più famosi tondi realizzati dall’artista protagonista dell’umanesimo fiorentino, sarà esposta per la prima volta dal 14 gennaio al 15 marzo 2016, al Centro Cultural La Moneda. Dopo Russia e Giappone, l’opera lascia l’Italia in occasione dell’anno dell’Italia in America Latina.                                  

L’esposizione, promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dall’Ambasciata d’Italia a Santiago, dall’Istituto italiano di cultura, la Galleria Corsini di Firenze e il Consejo Nacianal de la Cultura y las Artes, è un regalo per festeggiare i dieci anni di vita del Centro Cultural La Moneda ai cittadini cileni e la visione dell’opera sarà quindi gratuita.

Botticelli incarna nell’immaginario l’idea stessa del Rinascimento fiorentino e uno dei grandi Maestri dell’arte italiana. Allievo di Filippo Lippi e poi attivo nella bottega del Verrocchio la diffusione della sua fama è conferma dalla chiamata nel 1480 a Roma, insieme agli artisti più celebri, per affrescare le pareti della Cappella Sistina. Al ritorno diviene sempre più stretto il legame con i Medici, di cui è pittore di fiducia. Per la famiglia che detiene il potere a Firenze esegue, tra l’altro, famosissime favole mitologiche profane quali La Primavera, Pallade e il centauro, la Nascita di Venere. Opere di complessa simbologia, probabile sintesi – ricercata dal neoplatonismo fiorentino – tra nuovi ideali cristiani e mito antico, che creano un canone di bellezza ideale femminile: giovani donne dall’incarnato luminoso, lunghi capelli biondi, corpo elegante, volti di una dolcezza malinconica.

Dall’ultimo decennio del secolo si manifestano i sintomi della crisi personale di Botticelli che coincide con quella della società fiorentina: la morte di Lorenzo il Magnifico nel 1492, la cacciata del figlio Piero de’ Medici nel novembre ‘94 e la conseguente perdita di protezione e di committenze importanti segnano la fine di un mondo. L’artista si avvicina allora al pensiero del domenicano Girolamo Savonarola, ispiratore della moralizzazione della vita pubblica fiorentina. L’adesione totale sarà tardiva, successiva all’esecuzione del frate, avvenuta il 23 maggio del 1498; Botticelli ne abbraccia l’austero rigore e adegua il proprio stile al suo estremizzato credo religioso.

La Madonna con bambino e sei angeli è stata realizzata proprio durante la fase tarda della sua produzione artistica in cui la conversione del pittore matura nel clima turbato della Firenze di fine secolo e determina una svolta nel suo stile. La composizione è pensata per un formato circolare, ma si distingue da esempi precedenti per la costruzione piramidale, l’allungamento delle figure e soprattutto per la presenza degli strumenti della Passione, che rappresentano il fulcro del dipinto e sembrano evocare le prediche infiammate di Savonarola.                                 

Il dipinto del Botticelli fa parte della Galleria Corsini dalla metà del 1600. L’opera venne acquistata dal Marchese Bartolomeo Corsini per seguire le disposizioni testamentarie del fratello, il Marchese Filippo Corsini, che si raccomandava di investire in opere d’arte, le quali “aprono la mente ed il cuore”. Bartolomeo iniziò così a studiare e ad informarsi per scegliere opere d’arte che potessero essere facilmente riconoscibili e di grande valore artistico. La sua scelta ricadde sul Botticelli.      

L’iniziativa di esporre al Centro Cultural La Moneda di Santiago del Chile  un’opera di tale rilievo riflette appieno l’impegno profuso da Italia e America Latina nell’organizzazione dell’Anno di celebrazioni ed è indicativa dell’assoluta eccellenza delle relazioni anche in campo culturale.

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI