Cerca nel blog

martedì 8 novembre 2016

Autodesk ha guidato un progetto per conservare in digitale l'antica città di Volterra attraverso un modello 3D di edifici e opere d'arte

Il progetto è sponsorizzato dalla non-profit Volterra-Detroit Foundation in collaborazione con la città di Volterra e supportato da Autodesk e Case Technologies

Milano, 7 novembre 2016 - Autodesk, Inc. (NASDAQ: ADSK), Case Technologies e la Volterra-Detroit Foundation hanno guidato un progetto che in due settimane ha realizzato la scansione in 3D dei siti storici ed archeologici dell'antica città di Volterra. 

Un team internazionale di architetti, ingegneri, storici e studenti grazie all'utilizzo di tecnologie innovative quali droni, fotogrammetria, tecniche di laser scanning, reality capture insieme al software Autodesk ReCap 360 hanno riportato in digitale palazzi, strade e opere d'arte della città. Perchè Volterra? 

La città è stata costruita 3000 anni fa e i suoi siti storici risalgono al IV secolo AC. Oltre ad essere una delle più antiche città popolate del mondo, vanta il più antico Arco Etrusco (Porta all'Arco) al mondo che conserva la struttura originaria. 
Volterra è inoltre sede di uno dei migliori esempi di teatro romano riportato alla luce solo 50 anni fa e continua a identificare nuovi tesori archeologici, come un anfiteatro romano scoperto solo lo scorso anno.

"Grazie all'esperienza e alla dedizione di un gruppo di professionisti in diverse discipline, e alla stretta collaborazione con la città di Volterra è stato possibile catturare digitalmente la città e la sua antica storia." 
Ha dichiarato Tristan Randall, strategic project executive di Autodesk. 
"Le scansioni e i modelli catturati durante il progetto non aiuteranno soltanto architetti e pianificatori urbanistici nelle prossime attività di restauro ma proteggono e preservano il patrimonio artistico e culturale di Volterra per le generazioni future attraverso esperienze interattive e virtuali."

Dei 7.000 cittadini all'interno delle mura medievali di Volterra, forse il maggior sostenitore di questo progetto è Marco Buselli, sindaco di Volterra, che ha commentato, "Questo progetto ci offre l'eccezionale opportunità di fotografare, mappare e riprodurre ogni angolo del nostro patrimonio storico e culturale che ha caratteristiche uniche e irripetibili. Ora abbiamo un libro di storia virtuale di Volterra che cattura il valore di 3000 anni di storia da questa armoniosa città ".

Dr. Wladek Fuchs, presidente della Volterra-Detroit Foundation, che ha fondato il Volterra International Residential College base del team del workshop durante il progetto, ha dichiarato: "Per oltre vent'anni ho fatto ricerche sull'antica storia architettonica di Volterra e questo progetto sta preservando il patrimonio culturale della città per molti anni a venire. Catturando digitalmente queste parti storiche della città, la storia di Volterra può ora essere riportata in vita per storici, studenti e accademici di tutto il mondo. E' stato il mio sogno per anni quello di vedere progetti di questo calibro avvenire presso il Volterra International Residential College e la mia speranza è che, in collaborazione con la città di Volterra, saremo in grado di continuare a raccontare al mondo la storia antica di Volterra per le future generazioni ". 
Tra il team di progetto presso il Volterra residential College c'erano inoltre rappresentanti di Case Technologies, consulenti di ingegneria civile ed ambientale, CanFly Drones, Beck Group e Paul F. Aubin Consulting Services. 

Il progetto si è sviluppato in tre fasi: riproduzione digitale di reperti storici e archeologici; creazione di Building Information Model di edifici storici e particolari architettonici; realizzazione di modelli 3D interattivi di antichi siti storici. 
Immagine gentilmente concessa da: Autodesk, Inc. e Volterra-Detroit Foundation

Fase 1: Creazione di un modello digitale in 3D di siti storici e archeologici
Il team di progetto ha utilizzato i droni 3DR equipaggiati di camera con software Site Scan di 3DR e laser scanner Faro per scansionare le strutture storicamente all'interno delle mura della città, compreso le rovine del teatro Romano. 

I dati catturati sono stati elaborati in nuvole di punti e modelli 3D utilizzando la tecnologia fotogrammetrica e laser scanning, in Autodesk ReCap 360. 

Questi modelli grazie alla tecnologia Autodesk sono stati associati ad immagini derivanti da un sistema GIS (sistema di informazione geografica) come superficie terrestre, strade, fiumi per creare un modello digitale 3D completo della città. 
Immagine gentilmente concessa da: Silviu Stoian e Volterra-Detroit Foundation

Fase 2 : Utilizzo di  Building Information Model (BIM)
Il team ha creato un modello 3D particolareggiato degli edifici storici e di particolari architettonici grazie alla tecnologia laser scanning.  

Il team ha poi trasferito le nuvole di punti al software Autodesk Revit per costruire un dettagliato Building Information Model (BIM) che può essere utilizzato dalla città di Volterra e dalla Volterra-Detroit Foundation per manutenzione e futuri progetti di restauro.
Immagine gentilmente concessa da: Paul F. Aubin e Volterra-Detroit Foundation

Fase 3: Creazione di modelli 3D di opere d'arte e sculture 
Antiche opere d'arte e sculture presenti nei musei di Volterra, così come dettagli architettonici presenti nella città sono stati catturati attraverso una camera digitale ad alta risoluzione e trasformati in modelli 3D e nuvole di punti con Autodesk ReCap 360 e Autodesk ReMake.  

I modelli in 3D ottenuti potranno essere utilizzati in fiere virtuali, per scopi di ricerca e di conservazione, e stampati in 3D per crearne delle copie, in caso di necessità. 


# # #

Autodesk realizza software per persone che fanno cose. 
Se hai guidato una vettura ad alte prestazioni, ammirato un grattacielo imponente, usato uno smartphone, o visto un grande film, è probabile che hai sperimentato ciò che milioni di clienti Autodesk stanno facendo con il nostro software. 
Autodesk ti dà la possibilità di fare qualsiasi cosa. 
Per ulteriori informazioni su Autodesk, visita il sito www.autodesk.it o seguici su Facebook Autodesk Italia oppure Twitter @AutodeskItalia.

Volterra-Detroit Foundation
La Volterra – Detroit Foundation è una fondazione senza scopo di lucro, create da Alumni e dalla Faculty of the School of Architecture University of Detroit Mercy per finanziare la ristrutturazione e l'adeguamento dell'edificio della ex Scuola d'Arte di Volterra (Italia) per il Volterra International Residential College. La Fondazione opera con la University of Detroit Mercy (suo primo partner in ambito educativo) e altri istituti scolastici per fornire agli studenti l'opportunità di immergersi nella storia, cultura e architettura toscana, italiana ed europea. 
La Volterra-Detroit Foundation continua a fornire programmi accademici al Volterra International Residential College. Inoltre sta raccogliendo fondi per fornire borse di studio al fine di dare a tutti la possibilità di studiare a Volterra e per favorire lo scambio culturale e artistico internazionale e la collaborazione tra le comunità di Detroit e Volterra.

Città di Volterra
Volterra è una delle città più interessanti della Toscana, ha una ricca storia, un paesaggio incredibile e un patrimonio impressionante. Volterra è una città d'arte che come poche altre può documentare con i suoi monumenti, tremila anni di storia e conserva ancora tracce del suo passato maestoso che dispiega gradualmente man mano che si passeggia per le strade strette e si esplora il Museo Etrusco, la Pinacoteca, il Museo di Arte Sacra, l'Ecomuseo dell'Alabastro e Palazzo Viti. 
Eppure il fascino di Volterra, non sta solo nel suo patrimonio storico, ma anche in un paesaggio incontaminato, un modo lento di vita tradizionale e la sua tradizione secolare dell'alabastro. 
Questa roccaforte sfuggente richiede paziente attenzione, richiede tempo per assorbire la sua atmosfera, i segreti preziosi, l'ambiente e una cultura unica.

Building Information Modeling
Il Building Information Modeling (BIM) è un processo basato su modelli intelligenti 3D che fornisce ai professionisti dell'architettura, ingegneria e costruzioni tutti gli strumenti per pianificare, progettare, costruire e gestire progetti di edifici e infrastrutture. 
Le soluzioni BIM di Autodesk per il ciclo di vita dell'edificio e delle infrastrutture sono basate su modelli intelligenti creati con Autodesk Revit e AutoCAD Civil 3D. 
BIM rappresenta un potente insieme di soluzioni per la visualizzazione e la simulazione virtuale dei progetti, la documentazione e il design, la gestione dei dati e la collaborazione. Le suite Autodesk offrono una serie completa di strumenti per supportare flussi di lavoro BIM in un unico pacchetto software.

#### 
Autodesk, ReCap 360, ReMake, Revit sono marchi registrati di Autodesk, Inc., e/o delle sue sussidiarie e/o affiliate negli Stati Uniti e/o altre nazioni. Tutti gli altri nomi, nomi di prodotto o marchi appartengono ai loro rispettivi proprietari. Autodesk si riserva il diritto di modificare le offerte di prodotti e servizi, le specifiche e il prezzo in qualsiasi momento senza preavviso, e declina ogni responsabilità per errori tipografici o grafici contenuti nel presente documento

© 2016 Autodesk, Inc. All rights reserved.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI