Cerca nel blog

martedì 13 dicembre 2016

Rai Storia: con Peppe Servillo, La Linea del Pasubio. La guerrà che devastò l'Europa

Rai Storia
La Guerra che devastò l'Europa
La Linea del Pasubio
regia di Matteo Raffaelli
di Michele Pellegrini, Matteo Raffaelli e Jacopo Cannas
Da un'idea dell'artista Marco Nereo Rotelli per le Valli del Pasubio

Con Peppe Servillo, le voci e le lettere dei combattenti della guerra più logorante della nostra storia, quella combattuta sul Pasubio, nella struggente cornice del museo diffuso più emozionante d'Italia.

21 dicembre alle 22:00 su Rai Storia

C'è un capitolo della storia d'Italia che è diventato metafora e simbolo stesso di una guerra che ha visto morire milioni di connazionali ed europei: è la guerra del Pasubio (al confine tra le province di Vicenza e Trento), oggi emozionante luogo storico, ma che 100 anni fa diventò teatro della più aspra battaglia che si sia mai combattuta in montagna e che vide la costruzione, a opera dell'esercito e dei minatori italiani - di una delle opere riconosciute come tra le più complesse del genio militare, le 52 gallerie.

Sul Pasubio oggi c'è uno straordinario museo diffuso, fatto di molti chilometri di gallerie e reperti bellici che si sviluppa tra le montagne.

La linea del Pasubio era anche l'antico confine tra l'Italia e l'Austria, la linea delle trincee dei due eserciti, la linea di tiro delle artiglierie e la linea del combattimento segnata con il sangue dei soldati – spesso giovanissimi e per gran numero del sud Italia.

Un paradosso unico: la bellezza ineffabile del panorama che diventa scenario straziante di guerra.

Trailer: https://vimeo.com/167623800

È questo il capitolo raccontato con perizia e poesia da "La linea del Pasubio", in onda il 21 dicembre alle 22:00 su RAI STORIA, documentario di creazione scritto da
Michele Pellegrini, Matteo Raffaelli e Jacopo Cannas e diretto da Matteo Raffaelli con la partecipazione straordinaria di Peppe Servillo.

Un film che non è una ricostruzione storica tout court delle vicende della guerra sul monte Pasubio, ma è piuttosto il racconto dei luoghi simbolo di una delle più aspre battaglie del fronte tridentino.

Nella narrazione trovano spazio le opere di Marco Nereo Rotelli e le letture di Peppe Servillo, che ripercorrendo la strada delle 52 gallerie, dà voce ai pensieri dei soldati attraverso le loro stesse missive, proprio nei luoghi dove infuriava la battaglia.

Paura, speranza, disperazione, rabbia: tutto è magistralmente raccontato da uno dei più grandi attori italiani, in un percorso emozionante che trasforma il documentario in un'occasione in cui immergersi completamente per ripercorrere e conoscere da vicino i luoghi del primo grande conflitto mondiale e le emozioni che provarono gli uomini che furono costretti a vivere l'esperienza brutale della guerra di trincea, del combattimento corpo a corpo, della guerra di posizione.

Il film "La linea del Pasubio" non è solo l'espressione di una ricorrenza, (quella dei cento anni dalla Grande Guerra) ma vuole essere il segno, la scia di luce, la speranza, che non tutto fu perduto in quei giorni di battaglia.

Un modo per restituire umanità ai fatti, oltre la retorica fascista che vide questi ragazzi solo ed esclusivamente eroi, oltre la sofferenza e il vissuto.

Il docufilm nasce dal progetto "Via Pasubio" di Marco Nereo Rotelli nell'ambito del progetto VA.PO.RE (diretto dall'architetto Carlo Costa) di recupero e mantenimento dell'aspetto paesaggistico-ambientale dei Comuni di Valli del Pasubio, Posina e Rocoaro.


Durata: 50'

Regia: Matteo Raffaelli

Prodotto da: Marco Nereo Rotelli e Elena Lombardi per Art Project

Da un'idea dell'artista Marco Nereo Rotelli per le Valli del Pasubio
Interpreti: Peppe Servillo

Sceneggiatura: Michele Pellegrini, Matteo Raffaelli e Jacopo Cannas

Musiche originali: Roberto Procaccini

Montaggio: Domenico Zazzara

Operatore: Marco Petrucci

Contributo Storico: Mauro Passarin

Contributo militare e scientifico: Giuseppe Magrin
Distribuito da: Istituto Luce-Cinecittà

--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI