Cerca nel blog

lunedì 29 febbraio 2016

INWARD lancia #StreetArtFactory: bellezza ed arte in industrie, fabbriche e aziende grazie alla street art

Il nuovo progetto di INWARD Osservatorio sulla Creatività Urbana punta a portare la bellezza e l'arte nelle fabbriche italiane



Aiutare le aziende, grazie alla street art, a rendere fabbriche, capannoni e cantieri, sia esternamente sia internamente, luoghi aperti all'arte e alla bellezza e in grado di stimolare la creatività di chi lavora in quelle aree: INWARD Osservatorio sulla Creatività Urbana (www.inward.it) lancia con quest'obiettivo #StreetArtFactory per portare la bellezza e l'arte nelle fabbriche italiane.

La street art in Italia è un fenomeno artistico ancora non troppo conosciuto nella sua complessità, che tuttavia dà lavoro a quasi un migliaio di persone tra artisti, galleristi, operatori, esperti d'arte e consulenti in marketing, comunicazione ed eventi.
E sono già tante le aziende italiane ed estere (come raccontato ogni due settimane da INWARD nella sua rubrica sui casi tematici industriali: www.streetness.it/rubrica) che hanno scelto la street art per raccontarsi, per ridisegnare i propri prodotti, per integrare ed armonizzare la loro presenza nel paesaggio urbano e non, per campagne di marketing e comunicazione, oltre ad implementare d'arte le proprie strutture.

Con #StreetArtFactory INWARD punta a valorizzare ulteriormente questa affascinante forma d'arte in ambito produttivo, dopo averla promossa presso i Comuni italiani. Proprio con l'ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), infatti, INWARD ha lanciato anni fa Italian Graffiti (www.italiangraffiti.anci.it), la prima forma di presidio notiziario di una rete, per ora informale, di Città e Comuni della Creatività Urbana. Ad oggi INWARD monitora 154 Comuni, 266 Progetti e 20 Festival.

"Abbiamo scelto di lanciare questo progetto – dichiara il coordinatore dell'iniziativa Roberto Race – perché sta crescendo sempre più la volontà negli imprenditori illuminati di creare fabbriche modello nelle quali la creatività e la bellezza possono convivere con l'innovazione dell'industria 4.0 e la tradizione del saper fare delle nostre maestranze. Le aziende, con un budget per nulla impossibile, hanno l'opportunità di divenire dei nuovi mecenati".

"Nel nostro Paese – continua Race – ci sono aziende, spesso eccellenti, o cantieri per grandi opere pubbliche, insediati ad esempio nel mezzo di paesaggi agricoli. Il progetto si indirizza anche a queste realtà, prevedendo l'affiancamento a unità produttive, reti di imprese o aree industriali nella realizzazione di piani che abbiano l'obiettivo di ridurre l'impatto ambientale degli insediamenti".


Segue il profilo di INWARD:
INWARD è un osservatorio di lunga esperienza ed unico nel suo genere che svolge ricerca e sviluppo nell'ambito della creatività urbana (street art, graffiti writing, urban design), operando nei settori Pubblico, Privato, No Profit e Internazionale con un proprio modello di valorizzazione, elaborato durante il suo coordinamento del Tavolo tecnico Nazionale sulla Creatività Urbana per la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù, istituito presso il CNEL – Consiglio Nazionale dell'Economia e del Lavoro, e presentato il 21 luglio 2011 agli Stati Generali della Creatività Urbana, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, a quarant'anni esatti dal primo articolo giornalistico sul fenomeno dei graffiti uscito sul New York Times nel 1971.

INWARD opera nei suoi settori attraverso le unità operative Governi, Università, Artisti, Aziende, ACU, Sociale, Europa, Mondo, che alimentano il lavoro delle piattaforme permanenti Italian Graffiti, Inopinatum, Streetness, DoTheWriting!, CUNTO e Urban Creativity Alliance.


--
www.CorrieredelWeb.it

MOO_12: ALBERT LECLERC | LE PALLE | 04.03.2016


_12
04/03  15/04/2016



ALBERT LECLERC
LE PALLE



Il designer canadese Albert Leclerc è stato un collaboratore di Gio Ponti e assistente personale di Ettore Sottsass, divenendo in seguito direttore della Corporate Identity di Olivetti. Per 50 anni, Albert Leclerc ha spaziato tra il design italiano e quello del Quebec. 

Queste insinuanti e provocanti opere sono composte da gruppi di sfere lucide e colorate che si associano componendo forme e tipologie. La collezione di ceramiche era stata pensata e disegnata nel 1971 per la ditta Planula, ma all'epoca erano stati realizzati solo alcuni prototipi.

Dopo quarant'anni, la serie è stata numerata ed è stata integrata con alcuni nuovi pezzi. La collezione privata dell'autore, viene riproposta con la collaborazione di M. Laura Bucciantini e Paola Bartoli.



inaugurazione venerdì 4 marzo dalle ore 19.00
H. dal lunedì al venerdì 15_19:00




MOO
Via San Giorgio 9A
Prato





--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 25 febbraio 2016

Mart di Rovereto (Tr): un museo all'insegna dell'innovazione

Rovereto, una ridente cittadina in provincia di Trento, ospita uno tra i più importanti musei di arte moderna e contemporanea d'Italia, il MART.


La sede principale del Mart è incastonata tra due palazzi settecenteschi, in un edificio creato dall'architetto svizzero Mario Botta con la collaborazione dell'ingegnere roveretano Giulio Andreolli.

Al suo interno potrete vedere le numerose mostre temporanee che si svolgono e la collezione di oltre 20.000 opere sull'arte del Novecento che spazia dal Futurismo, al Novecento, passando per la Metafisica, l'Astrattismo, il Pop Art, l'Arte Povera fino alle esperienze artistiche più contemporanee.

Le opere della collezione permanente sono esposte a rotazione, compatibilmente all'attività espositiva temporanea.

Nato nel 1987 come ente funzionale della Provincia autonoma di Trento, il Mart opera oggi in tre luoghi distinti: a Rovereto la sede principale del Museo (un ampio complesso architettonico inaugurato nel 2002 su progetto di Mario Botta e Giulio Andreolli), la Casa d'Arte Futurista Depero e a Trento, la Galleria Civica. Quest'ultima sede è entrata a far parte del Mart, inaugurando i propri spazi nel centro storico di Trento, a ottobre 2013.

Per incuriosirvi vi citiamo solo alcuni dei nomi degli autori delle opere che troverete nelle sale de MART: oltre a Depero, spiccano i futuristi Balla, Carrà, Russolo, Severini, Prampolini, Thayaht e Tullio Crali. E poi i maggiori artisti italiani del Novecento: Medardo Rosso, Sironi, De Chirico, Morandi, Fontana, Vedova, Piero Manzoni, Boetti, Schifano.

Le mostre all'interno, offrono la possibilità di percorrere due secoli di storia dell'arte: dal Realismo dell'800 al nuovo progetto dei MASBEDO, attraverso la storia dell'arte italiana e internazionale.

Il tempo viene scandito dall'architettura del museo: il primo piano è dedicato all'ottocento e al primo novecento, il secondo piano agli anni più recenti, fino ai giorni nostri.

A questo punto prendetevi un giorno per nutrire la mente e gli occhi di una delle forme più belle dell'arte: la pittura


il bubris cristiano fabris


--
www.CorrieredelWeb.it

Ultimi giorni/Last days WAX - finissage Feb 27th h.17:30

WAX
text by/testo di Salvatore Davì

Liliana Moro - Canile, 2008 - wax, aluminim cm 35x18

Domenico Bianchi

Bruno Ceccobelli

Paolo Grassino

Concetta Modica

Liliana Moro

Ignazio Mortellaro

Luca Pancrazzi

Nicola Pecoraro

Alessandro Piangiamore

Loredana Sperini

Michele Tiberio

Vincenzo Schillaci

Francesco Surdi

Luca Trevisani

Chen Zhen



17 Dicembre 2015 / 27 Febbraio 2016
December 17th 2015 / February 27th 2016



La galleria è aperta dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 19:00
Sabato dalle 10:00 alle 18:00
Domenica e lunedì chiusi


Wax in artistic production has an ancient and incomplete history; its employment is documented since fifth millennium b.C. and from that time the physiological conditions of its production remained the same. But, in 1911, the historian Julius von Schlosser dedicated an entire paper on this subject: History of Portraiture in wax, a very innovative text, because of the absence of ceroplastics studies before 1911; sources only conduct toward a few anecdotes, some notes and brief historical hints, which actually get lost in the lack of specific texts chasm. We can find some information in classical essays, in middle-age recipe books and in some Renaissance and seventeenth century contracts, from which we can deduce the customer and the author.

The history of this technique was so frail and fragmented until the end of the nineteenth century, that might seem unlikely that they have reached us and perhaps no thanks to erudite philology, which has often demeaned wax as a by-product and considered ceroplastic as a minor technique, but mostly because of some intrinsic and physics features of wax itself: malleable at 32 centigrades and meltable at 60. If we look also at the extraordinary process whence it's generated, we realize its preciousness. A unique preciousness, because every time we look at a wax-made object, even just a small 15 cm and 50 gr of weight, portrait-locket, we are considering a thousand bee's work. This is the dazzling preciousness that an objective look at the nature of wax can produce on us; but it is a mistake, if we think that man needs an artificial spread to balance the unavoidable disharmony that frequently occurs between the eye and the word, between culture and nature. That is the reason why the aesthetic employment of wax rewards its natural preciousness, with a mite that ceroplastic techniques had to pay to nature, through a very high grade of mimèsi. The extreme ductility and its changeability made wax the ultimate product to exalt the imitative process, ability with many purposes from time to time. But, no matter what the purpose was, wax has always been the perfect accomplice for any sort of artifitio, always ready to disappear, destroying any proof, always prepared to be the scapegoat. It is really a reliable partner both for devotional uses, as in the case of iperrealistic votive statues, offered since sixteenth century, to the church of Santissima Annunziata in Florence, and for sinful and frivolous employment, like the representation of «vinitiane ignude», subjects made by venetian artisans and required in all Europe.



ITALIANO

L'uso della cera per la produzione artistica ha una storia tanto antica quanto incompleta; il suo utilizzo è documentato dal quinto millennio a.C. e da allora le condizioni fisiologiche della sua produzione sono rimaste intatte, è nel 1911 che lo storico Julius von Schlosser dedica un intero saggio sul tema, Storia del ritratto in cera. Si tratta di un testo innovativo, perché prima del 1911 le fonti conducono solo a qualche nota e a brevi cenni storici, che però si perdono nelle voragini dell'insufficienza di testi specifici. Delle notizie si trovano nei trattati classici, nei ricettari medievali e in alcuni contratti rinascimentali e seicenteschi, dai quali si può dedurre committente e artefice.

La storia di questa tecnica fino alla fine dell'Ottocento, è così fragile e frammentata, che sembra improbabile che il sapere di quelle maestrie sia arrivato fino ai giorni nostri. Il merito non è tanto della filologia erudita, che spesso ha declassato la cera a sottoprodotto e la ceroplastica ad arte minore, ma se ancora oggi abbiamo artisti che lavorano la cera, si deve alle caratteristiche che contraddistinguono la sua natura: modellabile a 32 gradi e raggiunge un grado di fusibilità a 60. Se pensiamo, inoltre, alla straordinarietà del processo che la genera, ci accorgiamo anche del suo pregio. Una preziosità unica, perché ad esempio, ogni volta che vediamo una cera, anche solo un piccolo cammeo di pochi centimetri, abbiamo di fronte la forza lavoro di migliaia di api. Questa è la rarità accecante che uno sguardo oggettivo sulla natura della cera può dare, ma si tratta solo di un abbaglio, al cospetto dello scarto artificiale che serve a compensare l'inevitabile dissintonia che corre tra occhio e mondo, per assottigliare la differenza tra natura e cultura. Per questo le tecniche ceroplastiche ricompensano la naturale preziosità della cera, con un obolo che hanno dovuto pagare alla natura, attraverso un elevatissimo grado di mimèsi. Qualsiasi fosse la finalità dell'imitazione, la cera è sempre stata complice perfetta per ogni tipo di artifitio, sempre pronta a sciogliersi eliminando ogni traccia e sempre pronta a far da capro espiatorio. Si tratta di una materia affidabile sia per usi devozionali, come nel caso delle iperrealistiche statue votive offerte per leggendaria tradizione, nel Cinquecento, alla chiesa della Santissima Annunziata di Firenze, sia per impieghi mondani e licenziosi, come per la produzione delle raffigurazioni in cera di «vinitiane ignude», soggetti commissionati da tutta Europa, alle maestranze veneziane.



La galleria desidera ringraziare sentitamente: Annibale e Marida Berlingieri, Luigi Caradonna, Andrea Daninos, Lidia Leopardi Berlingieri, Piervittorio Leopardi Dittajuti,  Domenico Pantaleone, Jacopo Russo, Stefano Tortorici e tutti gli artisti che hanno aderito a questa iniziativa. 


Francesco Pantaleone arte Contemporanea
Via Vittorio Emanuele 303
(Palazzo Di Napoli - Quattro Canti)
90133, Palermo

+39 091 332482 / +39 393 4356108 mobile
http://www.fpac.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Arte al Cinema. FIGLI DI MAAM di Paolo Consorti

Arte al Cinema
Figli di MAAM di Paolo Consorti

Arte al Cinema

Martedì 1 marzo – Figli di MAAM di Paolo Consorti
Festival di Cannes 2015
inizio spettacolo ore 21.15
ingresso unico €5,00
martedì 1 marzo ore 21.15
Ingresso unico € 5,00

Il Cinema Margherita di Cupra Marittima presenta una serata speciale per i Martedì d'Essai, martedì 1 marzo per l'evento Arte al Cinema sarà presentato il film Figli di MAAM di Paolo Consorti. Il film è stato presentato a RIFF - Roma Independent Film Festival 2015,
Sofia International Film Festival 2015, Social World Film Festival 2015, Festival di Cannes – Marche du Film.
Il regista sarà presente in sala

Ingresso Unico € 5,00

La serata è organizzata in collaborazione con la Galleria Marconi e con il Comune di Cupra Marittima – Assessorato alla Cultura.

È fissata per il 1 Marzo 2016, spettacolo unico delle ore 21.15, l'uscita al Cinema Margherita di "Figli di MAAM", opera cinematografica firmata dal noto artista contemporaneo Paolo Consorti, premiato durante l'ultima edizione del Sofia Film Festival 2014 e presentato speciale al Marché du Film di Cannes 2015.  Interpretato da Luca Lionello (La Passione di Cristo) e con la partecipazione di attori del calibro di Alessandro Haber; Michelangelo Pistoletto e Franco Nero, "Figli di MAAM" è una produzione di Giuseppe Lepore (produttore associato di "Non essere cattivo" di C. Galigari), che ha creduto e crede in questo talento nascente del cinema. Sarà distribuito dalla giovane società indipendente "Imago Distribution".


Figli di MAAM: Metropoliz – Roma, in una ex fabbrica, ora occupata da precari e immigrati, un uomo che crede di essere S. Giovanni Battista viene accolto dalla comunità locale. L'ex fabbrica sta per inaugurare un'esposizione di arte contemporanea organizzata dal MAAM (Museo dell'Altro e dell'Altrove di Metropoliz). Giovanni si aggira tra artisti, amici e bambini, confondendo la realtà con le sue visioni. Il suo intento è quello di riunire tutti i Santi a Metropoliz per iniziare a predicare da quel posto.

La proiezione sarà nel contesto della Rassegna Martedì d'Essai che si terrà al cinema Margherita di Cupra Marittima alle 21.15.

Rassegna organizzata dal Centro Culturale "J. Maritain" di Cupra Marittima, in collaborazione con CGS-ACEC "Sentieri di Cinema" (www.sentieridicinema.it), Comune di Cupra Marittima e Regione Marche.

Ingresso unico € 5,00 


Cinema Margherita
Via Cavour, 23
63064 Cupra Marittima (AP)

Telefono: 0735 778983 / 340 7322062
Fax: 0735 777118
Email: info@cinemamargherita.com



    
Europa Cinemas

mercoledì 24 febbraio 2016

NOTTE BIANCA >"Matisse e il suo tempo" > sabato 27 febbraio 2016 > Palazzo Chiablese, Torino

La Notte Bianca di "Matisse e il suo tempo"
Palazzo Chiablese, Torino

Sabato 27 febbraio 2016 la mostra resterà aperta al pubblico fino alle 23.30 (la biglietteria chiude un'ora prima) e propone una visita estemporanea per adulti a partire dalle ore 21.00




Henri Matisse, L'algerina, 1909, olio su tela, 81x65 cm, Collection Centre Pompidou, Paris Musée national d'art moderne - Centre de création industrielle.
Photo: © Centre Pompidou, MNAM-CCI/Philippe Migeat/Dist. RMN-GP © Succession H. Matisse by SIAE 2015

Sabato 27 febbraio anche la grande mostra Matisse e il suo tempo festeggia la Notte Bianca di Torino, organizzata in occasione del decennale delle Olimpiadi invernali del 2006 e attraverso la quale il grande pubblico avrà la possibilità di visitare i Musei e i tanti siti di interesse culturale fino a tarda ora.

L'esposizione, infatti, resterà aperta al pubblico fino alle 23.30 con chiusura della biglietteria un'ora prima (22.30).


Un momento privilegiato e unico in cui si potrà incontrare l'arte di Matisse e quella di artisti a lui contemporanei anche grazie a una visita estemporanea organizzata per il pubblico adulto a partire dalle ore 21.00.

Con 50 opere di Matisse e 47 di artisti a lui coevi quali Picasso, Renoir, Bonnard, Modigliani, Miró, Derain, Braque, Marquet, Léger - tutte provenienti dal Centre Pompidou - la mostra "Matisse e il suo tempo" si prefigge di mostrare le opere di Matisse attraverso l'esatto contesto delle sue amicizie e degli scambi artistici con altri pittori. 

Così, per mezzo di confronti visivi con opere di artisti suoi contemporanei, sarà possibile cogliere non solo le sottili influenze reciproche o le fonti comuni di ispirazione, ma anche una sorta di "spirito del tempo", che unisce Matisse e gli altri artisti e che coinvolge momenti finora poco studiati, come il modernismo degli anni quaranta e cinquanta. 

Opere di Matisse quali Icaro (della serie Jazz del 1947), Grande interno rosso (1948), Ragazza vestita di bianco, su fondo rosso (1946) sono messe a confronto con i quadri di Picasso, come Nudo con berretto turco (1955), di Braque, come Toeletta davanti alla finestra (1942), di Léger, come Il tempo libero - Omaggio a Louis David (1948-1949)



Promossa dal Comune di Torino - Assessorato alla Cultura, dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Piemonte e dal Polo Reale di Torino e organizzata dal Centre Pompidou di Parigi, 24 ORE Cultura - Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group, la mostra curata da Cécile Debray conservatore Centre Pompidou sarà visitabile a Palazzo Chiablese di Torino fino al 15 maggio 2016.




La mostra vede come sponsor Il Gioco del Lotto, come sponsor tecnici Grandi Stazioni, Trenitalia, Nova Coop, Canale Arte e vede il supporto di La Rinascente.
 
L'evento è consigliato da Sky Arte HD.
Il catalogo è edito da 24 ORE Cultura - Gruppo 24 ORE.

VISITA ADULTI
Henri Matisse e il suo tempo
Biglietto ridotto € 11,00 + € 1.50 di prevendita
Attività: € 6,00 (incluso microfonaggio, prenotazione consigliata + € 1,00)


Info e prenotazioni

Tel. +39 011.0240113

www.mostramatisse.it


Social Media

Hashtag: #matissetorino


--
www.CorrieredelWeb.it

lunedì 22 febbraio 2016

Vino a Arte che Passione! Alla Pinacoteca del Tesoriere un evento di degustazioni e visite guidate (21 marzo)

 
Lunedì 21 marzo 2016

VINO E ARTE CHE PASSIONE!
La prima edizione della manifestazione che coniuga il nettare degli dei all’Arte Antica



Pinacoteca del Tesoriere 
Palazzo Patrizi
P.zza San Luigi dei Francesi, N°37 – Roma

Ingresso su prenotazione obbligatoria ai recapiti dell’ufficio stampa

Dress Code

Porte aperte al Vino e all’Arte in una delle più antiche dimore private barocche ubicate nel cuore della Capitale: la Pinacoteca del Tesoriere.
CT CONSULTING EVENTS, società specializzata nell’organizzazione di eventi legati al Food & Beverage è partita da questo stretto connubio per proporre un’iniziativa mirata a valorizzare l’incontro tra due indubbie eccellenze.

In occasione dell’arrivo della primavera, lunedì 21 marzo, le porte dello storico palazzo ubicato nel cuore della Capitale si apriranno per un’intera giornata dedicata alla degustazione dei vini di oltre 30 aziende vitivinicole italiane rigorosamente selezionate, i cui banchi d’assaggio saranno dislocati per tutto il perimetro del primo piano, storico appartamento della famiglia nobiliare Patrizi.

La residenza di cardinali e papi ha mantenuto invariata fino ad oggi la sua vocazione di sede per ricevimenti di ospiti in grande stile ed è collocata tra il Pantheon e Piazza Navona. Generalmente chiusa al pubblico, la Pinacoteca ospita una significativa collezione di arte tra tele e opere uniche di antiquariato che sarà eccezionalmente visibile al pubblico nell’ambito della manifestazione attraverso visite guidate che ogni ora e su prenotazione all’arrivo dei convenuti, illustreranno le opere più importanti della collezione.

L’evento sarà aperto agli operatori del settore a partire dalle 13:00 e al pubblico appassionato (con obbligo di prenotazione) dalle 15,30, con chiusura porte alle ore 21,00.
Un’occasione unica per conoscere da vicino i produttori, degustare ed apprezzare vini di qualità all’interno di una magnifica cornice artistica e culturale.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Chopard, Acqua Rocchetta, Etro, Paolo e Noemia d’Amico, Nonino e La Scolca.

Elenco espositori:
Baglio di Pianetto; Bertani; Borgo Conventi; Cantine Biondelli; Castellare; Castello del Terriccio; Classica; Col D’Orcia; Conte Leopardi; Dok dall’Ava; Erste+Neue; Erzinio Food; Fattoria San Fabiano; La Bollina; La Scolca; Le Marchesine; Leonardi; Marchesi di Barolo; Marchesi di San Giuliano, Masi Agricola; Nonino; Paolo e Noemia d’Amico; Perusini; Petrolo; Principe Pallavicini; Rivera; Ruffino; Serego Alighieri; Tasca D’Almerita; Tenuta San Leonardo; Tenuta Di Fiorano; Venchi; Villa Sandi; Zaccagnini


Maggiori informazioni al sito: www.ctconsultingevents.com

CT CONSULTING EVENTS SRL 
VIALE ANGELICO, N°163 - CAP 00195
info@ctconsultingevents.com

Ecco il trailer di San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D - al cinema dall'11 al 13 aprile

SKY E IL CENTRO TELEVISIVO VATICANO IN COLLABORAZIONE CON NEXO DIGITAL PRESENTANO:

Dai creatori di Firenze e gli Uffizi 3D arriva al cinema dall'11 al 13 aprile


I Tesori riscoperti per il Giubileo Straordinario

Un tour cinematografico con punti di vista inediti e riprese mai realizzate prima.
San Pietro, San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore, San Paolo Fuori le Mura e le opere d'arte che custodiscono, raccontate da Antonio Paolucci, Paolo Portoghesi, Claudio Strinati e Micol Forti e introdotte dai brani di 'Passeggiate Romane' di Stendhal interpretati da Adriano Giannini.

Una produzione straordinaria resa unica dall'esperienza incredibile ed il coinvolgimento inedito del 3D realizzata da Sky 3D e dal Centro Televisivo Vaticano e distribuita da Nexo Digital.




"Nulla al mondo può essere paragonato all'interno di San Pietro"
Stendhal
Dopo il successo di Musei Vaticani 3D e di Firenze e gli Uffizi 3D, arriva al cinema San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D, la nuova produzione cinematografica firmata Sky 3D che, assieme al Centro Televisivo Vaticano e in collaborazione con Nexo Digital, Magnitudo Film e Sky Arte HD, propone un viaggio attraverso le quattro Basiliche Papali di Roma e i loro tesori: San Pietro (una delle 25 mete più visitate dai viaggiatori di tutto il mondo), San Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore e San Paolo Fuori le Mura. 

Quattro edifici maestosi - ognuno con un prezioso altare papale, scrigno di opere d'arte senza tempo e meta nei secoli di milioni di viaggiatori e pellegrini - diventano così protagonisti del nuovo tour cinematografico che è stato riconosciuto come film di interesse culturale dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale Cinema e che sarà distribuito nei cinema del mondo da Nexo Digital.

L'occasione che ha portato alla realizzazione di San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D, che sarà nei cinema italiani solo per 3 giorni dall'11 al 13 aprile (elenco dei cinema a breve disponibile su www.basilicheroma3D.it e su www.nexodigital.it e trailer qui), è il Giubileo Straordinario della Misericordia indetto da Papa Francesco. 

Il fil rouge narrativo, che si snoda dalla basilica paleocristiana su cui sorse San Pietro sino alla grandiosità del Barocco attraverso le preziose opere dell'arte medievale e rinascimentale, è offerto da alcuni brani di "Passeggiate Romane" di Stendhal (1783-1842), il celebre scrittore francese che nel primo Ottocento visitò le quattro chiese durante il suo Grand Tour in Italia. 

I brani di Stendhal sono interpretati nel film da Adriano Giannini, preparando emotivamente lo spettatore ad entrare in contatto con il mondo storico artistico dei quattro imponenti edifici attraverso gli occhi di questo colto viaggiatore di inizi '800.

Nel corso dei 90 minuti di San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D saranno quattro gli esperti che racconteranno le Basiliche e le opere che vi sono custodite: Antonio Paolucci, direttore dei Musei Vaticani, ci guiderà all'interno di San Pietro; Paolo Portoghesi, architetto di fama internazionale, proporrà un appassionato approfondimento su San Giovanni in Laterano; Claudio Strinati, celebre storico dell'arte, saprà svelarci la storia e le leggende di Santa Maria Maggiore; Micol Forti, direttore collezione d'arte contemporanea dei Musei Vaticani, presenterà agli spettatori S.Paolo Fuori le Mura

All'interno di luoghi esclusivi del Vaticano (gli Ottagoni della Fabbrica di San Pietro, il Salone Sistino della Biblioteca Apostolica Vaticana e la Sala Ducale del Palazzo Apostolico Vaticano), gli esperti, ciascuno secondo il proprio punto di vista, descriveranno le basiliche in maniera originale e coinvolgente: la loro evoluzione nei secoli, le opere d'arte più note, le vite e le storie di Papi ed artisti - da Giotto a Bramante, da Michelangelo a Francesco Borromini, da Gian Lorenzo Bernini a Domenico Fontana, da Arnolfo di Cambio a Jacopo Torriti- le vicende che hanno reso questi luoghi immortali e la profonda spiritualità che emanano.

Grazie a mezzi tecnici poderosi, in uso nelle più avanzate produzioni cinematografiche, sono state realizzate immagini sorprendenti, catturate da punti di vista esclusivi e inediti, resi possibili anche grazie all'utilizzo di elicotteri e bracci meccanici. A completare questo straordinario impianto visivo ci sarà la potenza del 3D, capace di far "immergere" lo spettatore, ponendolo al centro della scena e a contatto diretto con le opere.

San Pietro e le Basiliche Papali di Roma 3D è prodotto da Sky 3D e dal Centro Televisivo Vaticano in collaborazione con Nexo Digital, Magnitudo Film e Sky Arte HD. Media partner dell'uscita cinematografica è MYmovies.it


www.basilicheroma3D.it
#BasilicheRoma3D
#SanPietro3D


--
www.CorrieredelWeb.it

MICHELE ATTIANESE "periphery" / a cura di Marcella Ferro / opening: Sabato 27 Febbraio/ CASA TURESE arte contemporanea, Vitulano (BN)

MICHELE ATTIANESE Periphery
 

a cura di MARCELLA FERRO

CASA TURESE arte contemporanea, Vitulano (BN)

27 FEBBRAIO / 30 APRILE 2016

VERNISSAGE Sabato 27 Febbraio ore 18.30



Casa Turese Arte Contemporanea presenta Sabato 27 Febbraio alle 18,30 Periphery, a cura di Marcella Ferro, mostra personale di Michele Attianese.


L'evento rappresenta ancora una tappa importante nel percorso di crescita della galleria sannita, sempre attenta alla giovane pittura contemporanea di cui ha proposto ampia selezione in occasione della fiera internazionale Setup Contemporary Art Fair che si è tenuta a Bologna lo scorso mese di Gennaio.

I lavori esposti, mostrano uno sguardo particolare a quello che è il mondo delle periferie e del loro climax: scene e manufatti avvolti da toni grigi e verdi desaturati. Una possibile riflessione che l'artista propone sulle potenzialità di questi spazi troppo spesso sottovalutati che ad oggi vanno intesi come bacini di potenziale svluppo e concreta opportunità di ricucitura con il tessuto urbano.

Questa convinzione, come rileva Marcella Ferro nel testo di accompagnamento al catalogo, rappresenta: «l'accettazione dell'altro al di fuori di se stessi, è lo scambio che riduce l'egocentrismo e diviene la definitiva perdita di significato dell'assolutismo rispetto a un più democratico relativismo.

Un relativismo che si pone come mutabile e accogliente. Idee chiaramente vincolate alla storia che noi tutti stiamo vivendo, in cui Michele è particolarmente immerso, sentendosi in parte sentinella di una realtà precaria e complessa davanti alla quale non si tira indietro, ma al contempo cerca di partecipare mantenendo una certa oggettività.

Un distacco o, meglio, come lui stesso la definisce un'apnea emotiva che prova a mantenere segnando le immagini con delle linee bianche nette che tratteggiano confini e ripartiscono aree di per sé indivisibili costringendoci ad andare di là della visione completa e spingendoci all'analisi dei singoli dettagli».

In occasione del vernissage sarà presentato un catalogo documentativo dei lavori esposti, edizioni della galleria.



MICHELE ATTIANESE 
Nato a Castellammare di Stabia nel 1976, vive e lavora ad Angri (SA).
Dopo i corsi di Scuola Libera del Nudo e di Tecniche dell'Incisione presso l'Accademia di Belle Arti di Napoli, si laurea nel 2009 in Architettura presso l'ateneo partenopeo Federico II. 
Ha sempre disegnato, dipinto e nutrito un interesse "necessario" per le arti figurative, il design e la comunicazione visiva. Dal 2003 inizia l'attività di pittore ed illustratore servendosi di differenti mezzi espressivi con una precisa volontà di fondere generi e temi diversi. 
 
E' allievo del maestro Riccardo Dalisi col quale sperimenta l'esperienza dei laboratori aperti, ricerca teorica e sperimentazione sul campo, cultura accademica e fecondazione socio-antropologica, arte, architettura artigianato e disegno industriale nel Rione Sanità a Napoli. 
 
Tiene la prima personale dal titolo Derma nel 2002, anno in cui tra l'altro è segnalato al premio Novara. 
 
Nel 2010 è presente a disegni diversi, presso il MAT - Museo dell'alto Tavoliere, Sansevero. L'anno seguente è nella rassegna Aperto'11 ospitata dalla galleria FËS Show Room di Minori con la personale Mémoire de sucre. 
 
Segue la personale Di Passaggio presso la galleria Intragallery/Studio Legale di Napoli. Partecipa alla collettiva InterRail ospitata dal Centro Art's Events. 
 
Nel frattempo è invitato a dare veste al progetto musicale di Enzo Avitabile Black Tarantella. Viene poi invitato alla mostra Collettiva "Rivelazioni del Corpo" a cura di Franco Cipriano presso la galleria Spazio Zero11 di Torre Annunziata. 
 
Recente è la doppia personale con Ugo Cordasco Intersezioni per la PageaArt. Infine del 2015 le personali Unexpected Beauty negli spazi di Intragallery e Spazio per la LACSapartament di Milano. 

Nel 2016 è invitato a Setup Contemporary Art Fair tra gli artisti della Galleria Casa Turese 


Via Fuschi di Sopra 64, 87, 89 - 82038 - Vitulano (BN) - ITALIA

mail info@casaturese.it web www.casaturese.it tel 0824-874650 cell 333-3443684 fax 0824-871666

orari: dal Martedì al Sabato dalle ore 16.00 alle ore 20.00 (per appuntamento)




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI