Cerca nel blog

domenica 7 maggio 2017

Grandi Eventi dell’Agro Romano-Pontino I quindici anni di Arte in Classe 2002 – 2017, con il riconoscimento del “metodo Guadagnuolo”

Grandi Eventi dell'Agro Romano-Pontino
I quindici anni di Arte in Classe 2002 – 2017
con il riconoscimento del "metodo Guadagnuolo"

I WORKSHOP IN ITALIA. L'artista Bruno Munari è stato il primo, che negli anni '70, ha istituito i workshop creativi. Successivamente viene istituita la Fondazione Ratti a Como, con l'apporto di diversi artisti; nelle vicinanze di Treviso opera la Fabbrica Benetton con l'artista Oliviero Toscani; a Venezia la Fondazione Claudio Buziol; da quindici anni si sono imposti a livello nazionale ed internazionale i workshop di Aprilia (LT), creati e diretti dall'artista Francesco Guadagnuolo che li ha chiamati "Arte in Classe".

Una didattica innovativa per il mondo dell'Istruzione scolastica

Una grande avventura artistica, quella del M° Francesco Guadagnuolo che ha portato i suoi workshop creativi a imporsi in campo nazionale e internazionale e ad essere riconosciuti come esempio e risorsa di ricchezza d'idee per la Scuola Italiana con il suo "metodo Guadagnuolo" pubblicato nel 2010. «

Ho visto in lui – ha scritto il Prof. Giovanni Bollea considerato il padre della neuropsichiatria infantile a livello mondiale – un uomo che desiderava ardentemente captare la necessità educativa italiana, ed ora posso dire che è riuscito a porre alla conoscenza dei nostri ragazzi una realtà stupenda ed unica del panorama scolastico nazionale».


"GiornalArt X Immagini", l'attualità diventa espressione artistica
Verrà presentata la nuova pubblicazione di Francesco Guadagnuolo "GiornalArt X Immagini" (prefazione dello Storico dell'Arte Antonio Gasbarrini), nell'ambito della mostra "Arte in Classe" giunta alla 15ª Edizione Patrocinata dal Comune di Aprilia. La mostra sarà inaugurata, sabato 13 maggio 2017, alle ore 17,00 presso la Biblioteca Comunale - Sala Manzù di Aprilia.

"GiornalArt X Immagini" è un giornale creato dal Maestro Guadagnuolo e dalla sua squadra di giovani allievi che riguarda i maggiori avvenimenti mondiali che vanno dal 2016 al 2017. "GiornalArt X Immagini" si sfoglia come un giornale, ma viene più visto che letto grazie alle immagini create.  

"GiornalArt X Immagini" trae le rubriche giornalistiche con notizie e approfondimenti sui diversi temi: Cronache Italiane, Cronache dal Mondo, Politica internazionale, Cronaca di frontiera, Cultura, Letteratura, Musica, Spettacolo, Sport e Lavoro.

  "GiornalArt X Immagini" ha così per fine il conseguimento di una formazione vera della "cultura visiva" e dunque l'itinerario metodologico non può prescindere dall'arte attiva, che elargisce fantasia e invenzione in un contesto giornalistico pluridisciplinare e consente l'accostamento alla realtà in sinestesia.

Il Progetto "Arte in Classe" ha avuto da subito un doppio canale: uno riguarda le opere pittoriche e l'altro la Video-arte, una multimedialità web, che incorpora arte, scrittura, fotografia e musica su tematiche forti, che parlano su basi giornalistiche mondiali e sui problemi dell'esistenza umana, nel rispetto dell'ambiente e dei valori della vita. 

Una serie di video-arte, sulle tecniche informatiche che cambiano radicalmente il linguaggio che opera sulla percezione della realtà e diventa un modo adatto per adeguare la materia dell'arte ai nostri tempi. 

Quest'arte creata con l'ausilio del computer è legata alla ricerca tecnologica, ha precise finalità comunicative e formative e non si ferma ad una documentazione della realtà, ma è la realtà che viene interpretata e filtrata nell'immaginario dei giovani. 

Il giovane allievo opera creativamente su norme estetiche-comunicative offrendoci un iter espressivo, in una vera formazione delle arti visuali, che guarda al mondo che cambia e che porti a riflettere sulla storia, politica, economia e scienza del Pianeta che viviamo.

Per uno sviluppo didattico-pedagogico rivolto alla formazione dell'uomo

"Arte in Classe" ha avuto sin dalla prima Edizione un grande successo, ed è diventato negli anni un appuntamento pubblico di grande interesse. Il Progetto è nato per garantire il lavoro di valenza creativa ed artistica insieme ad un rinnovamento in ambito psicologico dei giovani. "Arte in Classe" vuole sviluppare un adeguamento didattico al progresso della personalità, esaltarne la fantasia e le qualità giovanili.

Per preparare negli anni queste quindici Edizioni sono stati sperimentati nuovi procedimenti tecnici e sono state utilizzate le scienze che mettono in risalto l'individuo e pongono l'accento su astrazione e concetto, intelletto e intenzione, gioia e sofferenza. 

Tutti i prodotti si fondano sul rapporto mano-mente che evidenzia una consapevolezza fisica ed esistenziale. La mente pianifica e organizza le abilità e con l'applicazione permette di acquisire nuove esperienze e dominare la materia.

Le esperienze di vita si uniscono all'arte e fanno comunicare nei giovani il loro mondo interiore. L'allievo, in questo caso, reputa importante, per esprimere le proprie idee, conoscere i materiali che utilizza nella sua opera. 

Il segno è strumento di espressione delle tensioni della vita; il colore attraverso la forma, esprime il significato originario delle cose. Negli elaborati sono presenti energie e pulsioni che portano il giovane a mettere in comunicazione il suo interno con l'esterno, l'interiore e l'esteriore.

Il Progetto serve per conseguire una formazione totalizzante della "cultura visiva" attraverso fantasie ed intenzioni che consentono l'unione tra l'individuo e la realtà. Nel 2015 il Progetto "Arte in Classe" è stato finalista alla VII edizione del Global Junior Challenge-Roma della Fondazione di Mondo Digitale, per i progetti innovativi delle scuole.

Pertanto il Progetto "Arte in Classe" è laboratorio di pensiero e di creatività, e come tale dobbiamo considerarlo in tutta l'utilità perché riesce a produrre quella maturità necessaria per la crescita dei giovani. Dice l'artista M° Francesco Guadagnuolo: «Ho sempre pensato ad un'istruzione dell'arte che possa costruire una nuova didattica, pluriculturale e multimediale, con la realizzazione del mio Progetto sono riuscito nel mio intento ed inoltre, perché questo non venga perduto, è necessaria la realizzazione del Progetto Museo denominato "Centro di Ricerca Arte in Classe" in modo che le nuove generazioni e la scuola in generale possano attingere quello che è stato il mio studio da artista e la mia ricerca in tutti questi anni, per dare le basi ad un nuovo piano di studio nell'insegnamento per una scuola creativa di vera formazione culturale. Peraltro, "Arte in Classe" rientra nell'ambito dei "Grandi Eventi dell'Agro Romano-Pontino, (poiché il Progetto nasce in questo territorio), da me creato nel 2002 che abbraccia la zona dei Castelli Romani e tutto il territorio dell'Agro Pontino».

"Arte in Classe", verso una "Bauhaus" del Terzo millennio
«Questa visione delle cose – scrive lo Storico Sante Montanaro in riferimento al piano di lavoro di Guadagnuolo – riporta la conoscenza al superamento delle divisioni tra arti maggiori e minori, e l'arte si incontrerà sempre di più con la tecnologia, creando una mentalità nuova ed un nuovo modo di leggere la realtà, portando l'uomo ai confini del mistero della vita. Con questo nuovo atteggiamento nei confronti del conoscibile, alla cultura sarà restituita la sua più brillante vitalità»

Ed è per tutte queste cose che a Guadagnuolo è piaciuto accostare "Arte in Classe" a quella prestigiosa scuola tedesca che è stata la Bauhaus "casa della costruzione", che tanto ha influito su qualsiasi forma d'arte.

La Bauhaus non vedeva separazione tra arte, artigianato e design industriale, una ricerca posta fra modelli di bellezza e proprietà tecnica. Il piano di lavoro consisteva nel riunire l'arte all'industria produttiva, ovvero unire l'arte all'artigianato. Tale espressione si rivelò principalmente nel settore dell'architettura e del design. 

Anche se si diceva che Gropius non credeva all'universalità dell'arte ha chiamato intorno a sé artisti del calibro di Kandinsky, Klee, Albers, Moholy-Nagy, Feininger, Itten, è riuscito a conquistarli, convincendoli che il posto dell'artista è nella scuola e il suo dovere sociale è la dottrina dell'insegnamento.

La ricerca di Guadagnuolo volge soprattutto sull'universalità dell'arte cercando di suscitare l'attitudine a un'arte visiva che permetta la contaminatio con la letteratura, la musica, la scienza, la fotografia, ecc., una vera sintesi di linguaggi, che assieme alle nuove tecnologie possono essere motivo di nuovi modi di formazione all'arte e alla creatività. 

Ed è così che ha ben pensato Guadagnuolo di chiamare le quindici Edizioni di "Arte in Classe", verso una "Bauhaus" del Terzo millennio. 

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI