CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Arte e Cultura

Cerca nel blog

giovedì 15 agosto 2019

Al via il Festival del Giallo VENTIMILARIGHESOTTOIMARI inGIALLO | 18 - 26 agosto 2019 Senigallia (AN)


Image

VENTIMILARIGHESOTTOIMARI

inGIALLO

 

Senigallia si tinge di giallo: al via l'appuntamento letterario più atteso dell'estate

 

 

18 – 26 agosto 2019

Senigallia (AN)

 

 

Al celebre Festival dedicato al noir e al giallo civile ci saranno Gianrico Carofiglio, Giancarlo De Cataldo, Ilaria Cucchi, Giampaolo Simi, Alessandro Robecchi e Maurizio De Giovanni e tanti altri.

Image

Dal 18 al 26 agosto di rinnova l'appuntamento con il Festival Ventimilarighesottoimari inGiallo, il popolare evento letterario che Senigallia dedica al noir e al giallo civile.

 

Tante le novità, ma anche i ritorni, per un'edizione che si annuncia più interessante che mai e che dimostra come il Festival, cresciuto anno dopo anno, sia ormai capace di intercettare i nomi dei più grandi scrittori presenti sulla scena nazionale. E a proposito di novità, quella sicuramente più suggestiva è data dalla nuova convezione stipulata tra il Comune di Senigallia e la Fondazione Pordenone Legge, organizzatrice dell'omonimo Festival, che prevede l'organizzazione di un evento esclusivo a cui, nel 2019, si potrà assistere solo nell'ambito di queste due rassegne. Si tratta di Sconvenienti Verità, che vedrà protagonisti due tra i più influenti autori del noir nazionale: Gianrico Carofiglio e Giancarlo De Cataldo, i quali saliranno insieme sul palco del Teatro La Fenice sabato 24 agosto per conversare insieme sulle "inattese ragioni del delitto", ripercorrendo alcuni dei più celebri casi di cronaca nera avvenuti in Italia.

 

Altro appuntamento sicuramente da non perdere è quello del 19 agosto al teatro La Fenice con Ilaria Cucchi, la quale presenterà insieme all'avvocato Fabio Anselmo il libro Federico, un'accurata ricostruzione della torbida vicenda riguardante la tragica morte di Federico Aldrovandi. Sempre nell'ottica di riservare uno sguardo privilegiato ai temi civili il programma include la presentazioni di altri due libri dedicati ad altrettante vicende mai chiarite fino in fondo: Il caso Mattei di Vincenzo Calia e Sabrina Pisu (21 agosto), in cui uno dei più vecchi misteri d'Italia viene analizzato alla luce di nuove letture e documenti, e Uccidete Guido Rossa di Donatella Alfonso e Massimo Razzi (22 agosto), che ripercorre l'omicidio dell'operaio e sindacalista dell'Italsider di Genova Cornigliano, assassinato da un commando delle Brigate Rosse il mattino del 24 gennaio 1979.

 

"Un Festival – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – già iniziato sotto i migliori auspici con la presentazione del programma al 32° Salone del Libro di Torino lo scorso maggio e con la prestigiosa collaborazione che siamo riusciti a stringere con la Fondazione Pordenone Legge. Anche quest'anno il programma sarà di altissimo profilo culturale e vedrà i nomi più rappresentativi del panorama letterario nazionale giungere a Senigallia per presentare le loro ultime opere. Grande attenzione, come al solito, sarà data al giallo civile, genere che caratterizza in maniera originale il nostro Festival. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro che hanno collaborato all'organizzazione della manifestazione, e in particolare alla Fondazione Rosellini che si conferma partner prezioso e imprescindibile".

 

Tra i nomi più noti al grande pubblico, poi, spiccano quelli di Marcello Simoni, uno dei massimi esponenti del giallo storico che sarà a Senigallia per presentare L'enigma dell'abate nero (19 agosto), Giampaolo Simi, con il suo libro  Come una famiglia  (20 agosto), la giovane, ma già apprezzatissima dal pubblico e dalla critica, Ilaria Tuti, con il suo Ninfa dormiente (23 agosto), e, per il giallo internazionale, l'inglese Kate Rhodes, che presenterà l'ultima sua opera La baia (18 agosto). Non mancherà, inoltre, l'imperdibile appuntamento con la lectio magistralis  del filologo e critico letterario Massimo Raffaeli (22 agosto), dedicata quest'anno a Vincenzo Consolo, l'ultimo testimone della grande narrativa siciliana a partire dal suo capolavoro Il sorriso dell'ignoto marinaio del 1976.

 

Da non perdere anche lo spettacolo teatrale La lista. Salvare l'arte: il capolavoro di Pasquale Rotondi di e con Laura Curino, che sarà messo in scena in anteprima regionale al teatro La Fenice il 23 agosto, alle ore 21,30. Il recital ripercorre i cinque anni, tre mesi e otto giorni di rischi, avventure rocambolesche, decisioni prese sul filo del rasoio dall'uomo che in gran segreto, all'indomani dell'8 settembre del 1943 e dell'invasione tedesca, obbedendo solo alla sua coscienza etica e al suo senso del dovere, anche a rischio della propria vita e di quella della sua famiglia impedì ai nazisti di mettere le mani sui Giorgione, Tintoretto, Piero della Francesca, Lotto, Mantegna, Donatello, Correggio, Caravaggio, Tiepolo e tante altre opere presenti nei musei e nelle pinacoteche delle Marche, del Veneto, della Lombardia, di Roma e di Napoli (i biglietti sono acquistabili sul circuito www.vivaticket.it e alla biglietteria del teatro La Fenice, aperta il venerdì e sabato dalle ore 18 alle ore 20,30).

 

Il Festival si concluderà il 26 agosto con due grandissimi ritorni: Alessandro Robecchi, con un altro divertente capitolo della saga che vede protagonista nelle vesti di un improbabile indagatore l'eccentrico autore televisivo milanese Carlo Monterossi, e Maurizio De Giovanni, autore di serie di grande successo come quelle del commissario Ricciardi e de "I Bastardi di Pizzofalcone", che a Senigallia racconterà il suo universo narrativo, dove la vera protagonista è la città di Napoli, ed eseguirà un reading di alcuni brani del suo ultimo romanzo Il pianto dell'alba, accompagnato dal sax del maestro Marco Zurzolo.

 

Infine, si rinnoverà l'appuntamento con la mostra che, in occasione dei novant'anni del giallo Mondadori, avrà come tema "I grandi del giallo". Allestita nei locali dell'Expo Ex dalla Fondazione Rosellini per la letteratura popolare, partner storico del Festival Ventimilarighesottoimari inGiallo, l'esposizione sarà inaugurata domenica 18 agosto da Franco Forte, direttore editoriale delle collane edicola di Mondadori.


Image
 
Image
 
Image
Image
Image
 
Image
 
 
Image
 


--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 14 giugno 2019

Riapre al Pubblico il MUSEO STORICO DEI BERSAGLIERI (18 giugno)

IL MUSEO STORICO DEI BERSAGLIERI RIAPRE AL PUBBLICO

 

Un gioiello della storia e della memoria risorgimentale e splendido edificio architettonico cinquecentesco è nuovamente fruibile ai visitatori.
Per i Bersaglieri la riapertura del loro Museo Storico è un altro tassello importante nel mosaico delle celebrazioni che hanno in programma per il prossimo anno per la ricorrenza dei 150 anni della "Breccia di Porta Pia". Allestito, in un luogo simbolo quale è Porta Pia, il museo è rimasto chiuso a lungo per problemi connessi con la messa a norma della struttura, oggi finalmente risolti, grazie all'impegno collaborativo tra lo Stato Maggiore dell'Esercito, il Comando Militare della Capitale e l'Associazione Nazionale Bersaglieri, in prima fila la Sezione di Roma. E' situato in una delle antiche Porte di Roma nelle storiche Mura Aureliane. Un edificio di proprietà del Comune, ceduto in uso perenne ai Bersaglieri attraverso una permuta del lontano 1932 proprio per tale finalità di Museo. Anche la data scelta per la riapertura è significativa, il prossimo 18 giugno ricorrenza del 183° Anniversario della Fondazione del Corpo dei Bersaglieri. La cerimonia ufficiale inizierà alle ore 11.30 e si svolgerà alla presenza di Autorità Civili e Militari all'interno della Porta, nel cortile dell'edificio michelangiolesco, seguirà alle 19.30 un concerto della Fanfara Bersaglieri "Nulli Secundus" di Roma Capitale aperto al pubblico. Porta Pia, da sempre luogo simbolo del nostro Risorgimento e dei romani, suggellerà per sempre, grazie ai fatti d'arme del 20 settembre 1870, il ritorno di Roma all'italianità con il suo indiscusso e riconosciuto ruolo di Capitale d'Italia. 

Associazione Nazionale Bersaglieri Roma Capitale
infoline: +39 06 5814996

sabato 8 giugno 2019

Carta Hype® ti regala 10€


💳 CARTA HYPE® TI REGALA 10€ 🎁

🥇 Sai perché ha vinto il premio di miglior carta ricaricabile dell'anno?

Canone annuo gratis per sempre
Nessun costo di ricarica
Non richiede un conto corrente
Codice IBAN per ricevere ed inviare bonifici
Prelievi gratuiti da ATM di tutto il mondo
Utilizzo della carta nei negozi (contactless)
Controllo delle spese tramite intelligenza artificiale

🕑 Attivala online in 5 minuti senza documenti cartacei, basta un selfie!


domenica 28 aprile 2019

inaugurata la scultura dedicata alla cipolla di Tropea dello scultore Giuseppe Carta nominato cittadino onorario del paese e che continua la serie dei grandi frutti della terra dopo il Peperoncino Gigante all'ingresso di FICO a Bologna, il monumento al Nebiolo, i peperoncini in Cina

Svelato il monumento alla cipolla rossa di Tropea dello scultore Giuseppe Carta, nominato cittadino onorario della città

La cipolla rossa,  il frutto che ha reso celebre Tropea in tutto il mondo, ha il suo monumento: una scultura dell'artista Giuseppe Carta. L'opera è stata svelata nella piazza principale del paese, in una cerimonia pubblica, è sarà il monumento al simbolo del paese calabrese. 

Con quest'ultima creazione artistica, l'evento ha aperto il "Tropea cipolla party", Giuseppe Carta conferma i prestigiosi riconoscimenti ricevuti nel panorama artistico nazionale ed internazionale. Solo pochi mesi fa, al prestigioso festival di Diamante, è stato nominato "Ambasciatore del peperoncino nel mondo" investitura ricevuta dall'Accademia Italiana del Peperoncino. A Bologna, a FICO, un peperoncino gigante dell'artista accoglie gli ospiti provenienti da tutto il mondo. Senza dimenticare il monumento al Nebiolo, nelle tenute di Fontanefredda ovvero la storica cantina del Barolo di OscarFarinetti, l'inventore di Eataly. Poi le opere volute da Andrea Bocelli per il Teatro del Silenzio e la melagrana gigantesca installata di fronte al Colosseo. I Peperoncini giganti di Carta sono stati adottati come simbolo della cultura e dell'economia locale nella città cinese Chongqing, una delle più grande della nazione asiatica.

Il monumento artistico è stato svelato davanti al sindaco di Tropea Giovanni Macrì ed è stato fortemente voluto dal direttore artistico della manifestazione Paolo Pecoraro grande estimatore del percorso creativo delle Germinazioni di Carta, un tributo a Madre Natura e alla cultura della terra. Una esperienza artistica valorizzata dai relatori durante la cerimonia dedicata all'inaugurazione del monumento. Il primo cittadino durante la manifestazione ha annunciato il riconoscimento  della cittadinanza onoraria al Maestro Giuseppe Carta e l'organizzazione di un evento celebrativo per il mese di maggio.

L'opera conquista l'attenzione per il verde brillante delle punte, il corpo che riprende  le forme originali del frutto ed il colore autentico della cipolla. Le radici sono state arricciate, di fronte ad un folto pubblico, direttamente dall'artista che ha coinvolto il sindaco, il direttore artistico, il presidente del Gal "Terre Vibonesi" e i sindaci del territorio. "Un atto di partecipazione e socializzazione per evidenziare come l'arte coinvolga ed unisca nel segno della bellezza– sottolinea il Maestro Carta – le diverse progettualità orientate alla valorizzazione economica e culturale dei frutti della terra e del lavoro delle comunità locali".




--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 6 aprile 2019

Televisione, immagini live ad alta quota. sitour italia e La7 presentano il progetto "Panorama TV" lo spazio delle emozioni.



SITOUR E LA7 PRESENTANO "PANORAMA TV"
LO SPAZIO DELLE EMOZIONI
 
Panorama Tv è un progetto televisivo di sitour, in collaborazione con feratel, che presenta suggestive immagini "live" ad alta quota dai maggiori comprensori sciistici dell'arco alpino in onda su La7 e La7d. Per la prima volta nel panorama televisivo italiano si assiste a uno spettacolo incantevole oltre i 2.000 metri di altitudine grazie a telecamere ad alta tecnologia. Una pausa emozionale per milioni di italiani e un nuovo modo per promuovere il turismo.
 
Milano, 4 aprile 2019 – Presentato a Milano sul palco di Eataly Smeraldo il progetto Panorama TV di sitour italia, in collaborazione con feratel e La7. La conferenza, moderata dal caporedattore di Dove Fabio Sironi, si è tenuta alla presenza di Michael Mattesich amministratore unico sitour italia, Uberto Fornara amministratore delegato Cairo Communication - La7 e Alessandro Valentini responsabile iniziative speciali Cairo Communication - La7. La televisione è un mezzo democratico e deve mettere lo spettatore al centro dell'attenzione e proporgli ogni giorno nuovi stimoli ed emozioni. Questo il concetto che sta alla base di Panorama Tv, un progetto unico in Italia ideato da sitour italia e in programmazione su La7, ha raggiunto fino ad ora oltre 40 milioni di spettatori in un solo minuto di trasmissione live tutti i giorni nella fascia oraria del primo mattino e del primo pomeriggio. Per la prima volta meravigliosi e suggestivi panorami vengono trasmessi ad altissima qualità da oltre i 2.000 m di quota. Tutto ciò è possibile mediante telecamere MediaCam 4.0 altamente specializzate e con una avanzata tecnologia messa a disposizione da l'austriaca feratel, all'avanguardia per la trasmissione su canali tv e digitali. In questo modo Panorama Tv, grazie alla sinergia tra sitour, feratel e La7, è molto di più di un programma televisivo, diventa un nuovo approccio all'informazione e alla promozione turistica del territorio montano andando a toccare la sfera emozionale dello spettatore.
 
Panorama Tv è la messa in onda live di un minuto di immagini video riprese e trasmesse dai comprensori sciistici più importanti e suggestivi dell'arco alpino: Plan de Corones, Courmayer, Tofana-Marmolada, Marilleva, La Thuile, Pila, Obereggen, Madonna di Campiglio. Questo progetto ricorda in chiave moderna l'"intervallo" che veniva trasmesso un tempo: l'obiettivo è quello di promuovere il territorio e il turismo montano in Italia in un modo innovativo e speciale. Suggestive immagini ad altissimo livello accompagnate da un sottofondo musicale regalano una piacevole pausa agli spettatori. L'aspetto emozionale che scaturisce da questi meravigliosi panorami porta lo spettatore a voler visitare i comprensori e i territori promossi e, al ritorno, a voler a rivivere attraverso le dirette il tempo trascorso in quei luoghi. Questa peculiarità legata alla sfera emozionale aiuta, inoltre, a veicolare informazioni che garantiscono la sicurezza e l'orientamento del fruitore sulle piste da sci. Infatti, le trasmissioni sono accompagnate, in sovraimpressione, da informazioni sulle aree sciistiche promosse che vengono aggiornate in tempo reale: i dati meteo vengono integrati alle immagini attraverso un sistema overlay.
 
Il punto di forza di questo progetto è stato l'utilizzo delle MediaCam 4.0 Panorama, speciali telecamere tecnologicamente avanzate posizionate in punti strategici e studiate per convivere nel rispetto del paesaggio. Le MediaCam permettono di riprendere a 360° panorami in movimento in alta qualità e di riproporli in diretta live. Il progetto è in continua crescita e a fine aprile verranno divulgati i dati definitivi, ma il dato eccezionale è che ad oggi Panorama tv ha raggiunto milioni di spettatori italiani per un solo minuto di programmazione nelle due fasce orarie giornaliere. In un'era in cui tutto viaggia alla massima velocità senza lasciare il tempo alle emozioni un solo minuto di qualità è in grado di catturare la nostra attenzione e farci vivere una informazione piacevole.



--
www.CorrieredelWeb.it

Tre Cristi Milano: Franco Aliberti e Laura Zeni collaborano al progetto artistico "Il Cibo non Mente"


Progetto Il cibo non mente: Franco Aliberti e Laura Zeni danno vita a un messaggio culturale che abbraccia cibo e arte.

Debutto al ristorante Tre Cristi Milano in occasione del Salone del Mobile 2019.
 
 
Una nuova collaborazione con il mondo dell'arte e del design per il progetto Il cibo non mente: Franco Aliberti e l'artista Laura Zeni. Lui, lo chef del ristorante Tre Cristi Milano, una forte attenzione alla creazione di una cucina ecosostenibile, valorizza le parti meno nobili degli ingredienti; lei, che vede i profili delle persone come contenitori di emozioni, di esperienze, pensieri, essenze della vita.

Proprio a partire dal primo giorno del Salone del Mobile 2019, l'8 aprile, al ristorante Tre Cristi Milano si potrà degustare Il cibo non mente, proposta culinaria e progetto artistico insieme, servito su un piatto a forma di profilo dello chef Aliberti, disegnato e realizzato per l'occasione da Laura Zeni in 20 pezzi unici.
Il duo creativo ha scelto il KRION®, un materiale caldo al tatto e simile alla pietra naturale. Composto da due terzi di minerali naturali e da una piccola percentuale di resine ad alta resistenza, 100% biologico e interamente riciclabile, un materiale che può essere rilavorato e riutilizzato sostanzialmente all'infinito, in perfetto equilibrio con la filosofia di Franco Aliberti.
Un percorso che debutta durante il Salone del Mobile e che sarà presente al ristorante Tre Cristi Milano con diversi sviluppi: "Il piatto con il mio profilo non vuole essere autocelebrativo, ma vuole essere uno spunto, una riflessione a mangiare facendo sempre più attenzione a come il nostro cervello recepisce l'assunzione del cibo" racconta lo chef Aliberti.

La riflessione culturale dello chef prende le mosse dall'alchimia che si crea a livello cerebrale tra il cibo, il suo profumo e il suo gusto, e le memorie che si attivano nella nostra testa quando lo degustiamo. E quale piatto universalmente riconosciuto come tipico italiano, se non gli Spaghetti al pomodoro, poteva inserirsi in questo contesto multisensoriale?
Ecco allora che Franco Aliberti mette in scena una composizione in cui, dalla bocca, parte un filamento dello spaghetto che conduce a un cervello fatto di spaghetti al pomodoro. Proprio questo piatto simbolico della nostra alimentazione ha il potere di evocare ricordi personali in ognuno di noi radicati fin nell'infanzia.
In corrispondenza dell'amigdala, l'archivio della nostra memoria emozionale, nel piatto lo chef ha posto un pezzetto di pane al pomodoro per simulare la scarpetta che facevamo da piccoli. Fin dal primo assaggio, Il cibo non mente sprigiona tutta la sua traccia di gusti primari genuini.

Nello spirito dei due ideatori, Il cibo non mente racchiude un messaggio culturale trasversale: in tutti i campi, e quindi anche nell'arte culinaria, non c'è evoluzione senza la conoscenza del passato e la tensione verso la semplicità. Una sintonia magica con il credo dello chef incentrato sull'essenzialità.

Il cibo non mente sarà presente con continuità nella carta del ristorante Tre Cristi Milano, come il grande ritratto che Laura Zeni ha dedicato a Aliberti, un metro per un metro di colori, gesti, pensieri e anima dello chef che si è raccontato alla Zeni entrando nella sua Arte con un approccio inconsueto, non a parole, ma scegliendo una texture già realizzata dall'artista.

Per la prima volta Laura Zeni trasforma il profilo di uno chef in un piatto: "Perché il piatto non è solo vezzo e decorazione, ma messaggio di presa di coscienza di sostenibilità e di cultura durante il consumo del cibo ed espressione di una particolare attenzione a quello che decidiamo di introdurre nel nostro corpo", racconta Laura  Zeni.
"Il primo gesto nel rapporto con il cibo è lo sguardo e l'immagine che rimane impressa nella nostra memoria, avvolta dal sapore gustato, è importantissima. NOI artisti abbiamo il dovere di comunicare concetti, oltre a sapore e colori. Mangiare, lavorare, vivere con la testa… dedicare tempo e consapevolezza a noi stessi…"
Ma il progetto è solo agli inizi, presto vedremo anche un libro che racconta il dialogo incessante tra profili di chef che hanno trovato uno spazio nell'arte creativa di Laura Zeni, redatto dal giornalista enogastronomico Carlo Spinelli e dalla curatrice e critica d'arte Serena Mormino.

Franco Aliberti:
Franco Aliberti è il primo chef che disegna e realizza in autonomia i piatti al ristorante Tre Cristi Milano, con una particolare attenzione per la cucina sostenibile.
L'ispirazione, infatti, viene direttamente dagli ingredienti che vengono utilizzati nelle cucine: nasce così la prima collezione di piatti/scultura che prende come modelli la verdura e i nudi vegetali, trasposti in opere lasciate volutamente bianche e pure per esaltare con semplicità quell'eleganza tipica della perfezione di Madre Natura. Opere da esposizione ma che non si fermano al design.

Laura Zeni:
Laura Zeni è un'artista eclettica, capace di declinare i suoi tratti pittorici in nuove dimensioni scultoree, in design e gioielli. I profili di Laura Zeni delimitano, rendendoceli visibili e amplificano al contempo, gli spazi, i dentro e il fuori, come a voler rendere trasparente il nostro essere al punto da permettere a chiunque di metterci dentro qualcosa, di leggere come e ciò che vuole.
 
Il colore, in quanto energia, è interprete dell'anima e, come afferma sempre Mormino, "l'Arte è Vitamina essenziale di Vita che ognuno di noi dovrebbe somministrare…"


Per informazioni e prenotazioni presso il ristorante
Via Galileo Galilei, 5
angolo via Marco Polo
20124 Milano
tel. 02 29062923

Curatela
Associazione Culturale AMARTE
Serena Mormino
Curatrice e Critica d'Arte e Design
MUSEO DEL PARCO – Centro Internazionale di Scultura all'aperto – Portofino
Cell.+39 3473222364

Photo credit
Paolo Picciotto


--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 2 marzo 2019

HITLER CONTRO PICASSO E GLI ALTRI (3D produzioni): miglior Film Evento sull'Arte ai Nastri d'Argento 2019


"Hitler Contro Picasso e gli Altri": Miglior Film Evento sull'Arte in occasione dei Nastri D'argento 2019

3D Produzioni e Nexo Digital sono orgogliose di annunciare che "Hitler Contro Picasso e gli Altri" è stato premiato come Miglior Film Evento sull'Arte in occasione dei Nastri D'argento 2019, i premi assegnati ogni anno dal Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani con il sostegno del Mibac - DG Cinema.
"Hitler Contro Picasso e gli Altri" è un film prodotto da 3D Produzioni e Nexo Digital in collaborazione con Sky Arte con la partecipazione straordinaria di Toni Servillo. Il premio è stato assegnato al nostro regista Claudio Poli. Premiato anche Remo Anzovino, autore della colonna sonora originale già disponibile per Sony Classical, che ha ricevuto una menzione speciale nella sezione "La musica nell'Arte".
In finale ai Nastri D'Argento 2019 anche "Van Gogh. Tra il Grano e il Cielo", un altro titolo sull'arte firmato 3D Produzioni e Nexo Digital con la regia di Giovanni Piscaglia.
La collaborazione tra 3D Produzioni e Nexo Digital è partita nel 2018 e ha già portato in sala tre docufilm  "Hitler Contro Picasso e gli Altri"; "Van Gogh. Tra il Grano e il Cielo"; "Klimt e Schiele. Eros & Psiche", distribuiti in oltre 60 paesi del mondo da Nexo Digital dopo aver conquistato il botteghino italiano.
Prossimo appuntamento al cinema il 25, 26, 27 marzo con "Gauguin a Tahiti. Il Paradiso Perduto", un altro grande film evento firmato 3D Produzioni e Nexo Digital con la regia di Claudio Poli e la partecipazione straordinaria di Adriano Giannini.
I documentari d'arte firmati da 3D Produzioni e Nexo Digital torneranno nelle sale il 15,16,17 Aprile con il film "Il Museo del Prado. La Corte Delle Meraviglie" in occasione dei 200 anni del museo spagnolo. La regia è di Valeria Parisi. In autunno usciranno altri importanti titoli tra cui quello realizzato in collaborazione con l' ANNE FRANK FONDS BASEL che racconta la storia di 5 sopravvissute alle Shoah scelte per le attinenze delle loro vite con quella di Anne.

3D Produzioni firma la produzione esecutiva di un altro dei titoli vincitori di questa edizione dei Nastri d'Argento: "SONO GASSMAN!" Vittorio Re Della Commedia di Fabrizio Corallo, prodotto da Surf Film e Dean vince infatti il premio come miglior documentario nella sezione Spettacolo. Nella stessa sezione era stato selezionato un altro nostro documentario "Giosetta Fioroni. Pop sentimentale", regia di Gabriele Raimondi. 

La serie di riconoscimenti segna alcuni tra i molti successi di 3D Produzioni, impegnata da oltre vent'anni nella realizzazione di documentari e film dedicati ad arte, storia, architettura, sport e design. Fondata da Didi Gnocchi, 3D Produzioni riunisce un gruppo di professionisti del settore video specializzati nel trattamento di contenuti a tema culturale e in questi 20 anni ha cresciuto giovani talenti tra operatori, montatori, registi e autori. Dall'ideazione di innovativi progetti per la comunicazione video sul web, in collaborazione con istituzioni come Biennale di Venezia e Piccolo Teatro di Milano, la società è diventata punto di riferimento per istituzioni, brand e importanti broadcaster.




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *