CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Arte e Cultura

Cerca nel blog

mercoledì 18 settembre 2019

UNESCO concede il Patrocinio alla Maratona di Ravenna Città d'Arte

L'UNESCO CONCEDE IL PATROCINIO ALLA MARATONA DI RAVENNA CITTÀ D'ARTE

Importante riconoscimento da parte dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per Educazione, Scienza e Cultura.


La notizia è giunta improvvisamente, pur se attesa da tempo: l'UNESCO, Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura, ha riconosciuto ufficialmente il proprio patrocinio alla Maratona di Ravenna Città d'Arte. Un grande riconoscimento, ma soprattutto un plauso pubblico al lavoro compiuto in questi anni da Ravenna Runners Club e alle bellezze di una città come Ravenna che sta sempre più scalando le classifiche di interesse fra le tante città che basano il loro richiamo turistico su cultura e storia.

In una lettera giunta nei giorni scorsi a firma di Enrico Vicenti, Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana UNESCO, la celebre organizzazione mondiale ha comunicato di aver accolto la richiesta di concessione del Patrocinio per la Maratona di Ravenna «in considerazione – si legge nella missiva – del significativo valore dell'iniziativa intesa a favorire una più attiva fruizione del nostro Patrimonio Mondiale dell'UNESCO coniugando sport, arte e cultura».

 

Il mix tra attività sportiva, storia e cultura che da anni Ravenna Runners Club e l'Amministrazione comunale della città stanno portando avanti in occasione della Maratona, che quest'anno animerà il weekend dall'8 al 10 Novembre, continua dunque a dare frutti e produrre risultati considerati incredibili sino a poco tempo fa. Ravenna entra così a fra parte della rete delle Maratone UNESCO, network del quale hanno già fatto parte Roma, Firenze, Venezia, Verona, Ferrara e Palermo.


Da una parte l'organizzazione di RRC che sta gestendo e implementando sempre più un evento internazionale di grande richiamo sportivo e aggregativo. Dall'altra un territorio, ed in particolare una città ricca di storia e arte come Ravenna, pronta a mettere in vetrina le sue bellezze, a partire dagli otto monumenti paleocristiani riconosciuti Patrimonio Mondiale dell'Umanità dall'UNESCO nel 1996. Otto siti famosissimi come la Basilica di San Vitale, il Mausoleo di Galla Placidia, i Battisteri degli Ariani e degli Ortodossi, la Basilica di Sant'Apollinare Nuovo ed in Classe, la Cappella Arcivescovile ed il Mausoleo di Teodorico. Tutti immancabilmente toccati dal percorso della Maratona di Ravenna Città d'Arte, così come altri punti attrattivi della zona fra musei e monumenti.

 

«Per tutta la nostra società – dice Stefano Righini, presidente di Ravenna Runners Club, associazione che organizza la Maratona – è un grandissimo riconoscimento che ci riempie d'orgoglio e, allo stesso tempo, ci investe ulteriormente di un ruolo di promotori del territorio che trascende dalla sola organizzazione di un evento sportivo internazionale, aspetto già di per sé molto impegnativo. Vorrei ringraziare lo staff di RRC, e in particolare la segreteria organizzativa della società, perché solamente grazie alla perseveranza, all'attenzione nel lavoro quotidiano e alle capacità gestionali, è giunto questo importantissimo Patrocinio».

 

«Aver ottenuto il Patrocinio dell'Unesco – sottolinea il Sindaco di Ravenna Michele De Pascale a nome di tutta l'Amministrazione comunale – ed essere stati inseriti nella rete delle città sede di Maratone e monumenti dichiarati Patrimonio dell'umanità come Roma, Firenze e Venezia ha una valenza davvero significativa. La Maratona di Ravenna Città d'Arte è un evento straordinario di caratura internazionale, capace di coniugare in una sintesi perfetta sport, arte e turismo. Questo appuntamento, che rappresenta anche un'eccezionale veicolo promozionale per le bellezze di Ravenna e del suo territorio, è entrato nel cuore della nostra comunità e a pieno titolo fra quelli più attesi da atleti, semplici appassionati della corsa, cittadini e turisti che, cogliendo questa occasione, hanno la possibilità di correre toccando tutti i monumenti Unesco, altri luoghi significativi del nostro patrimonio artistico e non solo, il centro storico, la pineta, fino ad arrivare al mare. Ravenna e la sua Maratona rappresentano un esempio di come vita sana e turismo sostenibile siano un connubio davvero vincente».

 

«Sport, arte e cultura costituiscono ormai le tessere di un mosaico prezioso – dice il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini – in grado di unire valori, passioni e bellezze dei nostri territori. Questo importante traguardo, raggiunto da Ravenna, è un valore aggiunto non solo per la città, ma per l'intera Emilia-Romagna. Perché essere al pari di realtà come Roma, Firenze e Venezia nella rete delle città sede di Maratone e monumenti dichiarati Patrimonio dell'umanità Unesco, è un riconoscimento che premia la bellezza di un contesto artistico, storico e di vivibilità unico e famoso nel mondo, che mette in valore il complesso delle eccellenze della nostra terra. Come Regione -prosegue ancora Bonaccini – crediamo nello sport per i valori che racchiude in sé e per l'importanza dell'attività motoria nella tutela della salute. Ma sappiamo anche che lo sport può e deve essere anche un importante volano per il turismo e per l'economia regionale. Credo davvero che questo riconoscimento dimostri ancora una volta che l'Emilia-Romagna e le sue Città d'arte sono pronte ad avere un ruolo ancor più da protagoniste nei grandi appuntamenti sportivi internazionali, oltre che nei più importanti circuiti turistici. E credo che ciò che oggi potrebbe sembrare solo un sogno, potrebbe diventare realtà, lavorando di squadra: portare qui le Olimpiadi del 2032, insieme a Firenze e alla Regione Toscana».

 

18 Settembre 2019





--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 12 settembre 2019

Valencia si aggiudica il titolo di Capitale Mondiale del Design per il 2022


   

Valencia si aggiudica il titolo di Capitale Mondiale del Design per il 2022. 
La città spagnola diventa il punto di riferimento degli amanti dell'architettura, dell'arte e della moda e si appresta a celebrare un nuovo ambito riconoscimento. 

Dopo Torino, Seul, Helsinki, Città del Capo, Taipei, Città del Messico e Lille, la World Design Organization (WDO), organizzazione internazionale non governativa che da 60 anni si dedica alla promozione del design, ha eletto Valencia Capitale Mondiale del Design 2022. Un'opportunità imperdibile per la città spagnola di mostrare al mondo intero la sua anima più creativa, fatta di designer affermati e aziende rinomate nel settore. 


Valencia si aggiudica il titolo di Capitale Mondiale del Design per il 2022


La città spagnola diventa il punto di riferimento degli amanti dell'architettura, dell'arte e della moda




Valencia si appresta a celebrare un nuovo ambito riconoscimento. Dopo Torino, Seul, Helsinki, Città del Capo, Taipei, Città del Messico e Lille, la World Design Organization (WDO), organizzazione internazionale non governativa che da 60 anni si dedica alla promozione del design, ha eletto Valencia Capitale Mondiale del Design 2022. Un'opportunità imperdibile per la città spagnola di mostrare al mondo intero la sua anima più creativa, fatta di designer affermati e aziende rinomate nel settore. 


--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 27 agosto 2019

LA VOCE DELLA TERRA inaugura con NOA e le sue "Letters to Bach" (28 agosto, Scheggino, PG)


Image

Mercoledì 28 agosto 2019 - ore 21:00
piazza Carlo Urbani – Scheggino (PG)

 

NOA
 Letters to Bach

 
NOA voce e percussioni
GIL DOR chitarra e direzione musicale
OR LUBIANIKER basso elettrico
GADI SERI percussioni

Ingresso: € 25,00

Biglietti in vendita sul circuito Vivaticket o da New Sinfony, a Terni.

Image

Sarà la cantante israeliana NOA ad inaugurare a Scheggino (Pg), la prima edizione della rassegna LA VOCE DELLA TERRA con il live tratto dal suo nuovo progetto discografico, LETTERS TO BACH (Believe International), prodotto dal leggendario Quincy Jones. Mercoledì 28 agosto alle ore 21:00, accompagnata sul palco dal chitarrista, arrangiatore e direttore musicale Gil Dor, Or Lubianiker al basso e Gadi Seri alle percussioni, l'artista dal tratto distintivo elegante e raffinato, interpreterà alcuni dei più rappresentativi brani musicali del compositore tedesco Johann Sebastian Bach arricchendoli con le sue parole grazie ai testi in inglese ed ebraico, ispirati a temi che spaziano dalla sfera personale a una più universale. 
Una musica che va oltre i confini di genere musicale e della lingua, capace di parlare al cuore delle persone e di emozionarle, creando un punto di contatto tra di loro. Un omaggio al compositore tedesco unita alla capacità di sperimentare di un'artista che in 28 anni di attività ha saputo attraversare stili e argomenti, sempre in perfetta armonia tra di loro. 

LA VOCE DELLA TERRA, manifestazione concepita da Silvia Alunni, direttrice artistica di Visioninmusica, realizzata in collaborazione con Ministero dei Beni Culturali, Regione Umbria, Comune di Scheggino e Comune di Sant'Anatolia di Narco, è incentrata sulla trasversalità di turismo e cultura: nel contesto territoriale del borgo, il jazz e le sue contaminazioni si fonderanno infatti con la natura, la storia, la cultura e l'enogastronomia, dando vita a un cartellone di appuntamenti in grado di rispondere a diversi target di pubblico e di contribuire alla rinascita turistica della Valnerina. 

Image

NOA

Cresciuta tra Yemen, Israele e Stati Uniti, Achinoam Nini in arte Noa, è una cantautrice, poeta, compositrice, percussionista, relatrice, attivista e madre di tre bambini. Insieme al suo storico collaboratore musicale Gil Dor, stimato musicista e co-fondatore della Rimon School of Music, Noa ha pubblicato 15 album e si è esibita nei luoghi più importanti e prestigiosi del mondo come la Carnegie Hall e la Casa Bianca e ha cantato per tre Papi. Cresciuta artisticamente sotto la guida di Pat Metheny e Quincy Jones, ha condiviso il palco con leggende come Stevie Wonder, Andrea Bocelli e Sting. Oltre che per la sua prolifica attività musicale, in Israele Noa è nota anche per essere la più importante sostenitrice culturale del dialogo e della convivenza nel Paese con la sua "voce della pace". Tra i tanti premi che ha ricevuto figurano: Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana (una delle onorificenze più importanti del Paese), Pellegrino della Pace da parte dell'Ordine Francescano di Assisi (premio assegnato in passato a Bill Gates e Madre Teresa) e il Christal Award del Forum Economico Mondiale. Noa è la prima ambasciatrice israeliana dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura e fa parte di numerose organizzazioni a favore dei diritti umani e della pace in Israele e in tutto il mondo.


Associazione Visioninmusica

via 1° maggio 40 – 05100 – Terni

+39 0744 432714 - +39 333 2020747




--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 15 agosto 2019

Al via il Festival del Giallo VENTIMILARIGHESOTTOIMARI inGIALLO | 18 - 26 agosto 2019 Senigallia (AN)


Image

VENTIMILARIGHESOTTOIMARI

inGIALLO

 

Senigallia si tinge di giallo: al via l'appuntamento letterario più atteso dell'estate

 

 

18 – 26 agosto 2019

Senigallia (AN)

 

 

Al celebre Festival dedicato al noir e al giallo civile ci saranno Gianrico Carofiglio, Giancarlo De Cataldo, Ilaria Cucchi, Giampaolo Simi, Alessandro Robecchi e Maurizio De Giovanni e tanti altri.

Image

Dal 18 al 26 agosto di rinnova l'appuntamento con il Festival Ventimilarighesottoimari inGiallo, il popolare evento letterario che Senigallia dedica al noir e al giallo civile.

 

Tante le novità, ma anche i ritorni, per un'edizione che si annuncia più interessante che mai e che dimostra come il Festival, cresciuto anno dopo anno, sia ormai capace di intercettare i nomi dei più grandi scrittori presenti sulla scena nazionale. E a proposito di novità, quella sicuramente più suggestiva è data dalla nuova convezione stipulata tra il Comune di Senigallia e la Fondazione Pordenone Legge, organizzatrice dell'omonimo Festival, che prevede l'organizzazione di un evento esclusivo a cui, nel 2019, si potrà assistere solo nell'ambito di queste due rassegne. Si tratta di Sconvenienti Verità, che vedrà protagonisti due tra i più influenti autori del noir nazionale: Gianrico Carofiglio e Giancarlo De Cataldo, i quali saliranno insieme sul palco del Teatro La Fenice sabato 24 agosto per conversare insieme sulle "inattese ragioni del delitto", ripercorrendo alcuni dei più celebri casi di cronaca nera avvenuti in Italia.

 

Altro appuntamento sicuramente da non perdere è quello del 19 agosto al teatro La Fenice con Ilaria Cucchi, la quale presenterà insieme all'avvocato Fabio Anselmo il libro Federico, un'accurata ricostruzione della torbida vicenda riguardante la tragica morte di Federico Aldrovandi. Sempre nell'ottica di riservare uno sguardo privilegiato ai temi civili il programma include la presentazioni di altri due libri dedicati ad altrettante vicende mai chiarite fino in fondo: Il caso Mattei di Vincenzo Calia e Sabrina Pisu (21 agosto), in cui uno dei più vecchi misteri d'Italia viene analizzato alla luce di nuove letture e documenti, e Uccidete Guido Rossa di Donatella Alfonso e Massimo Razzi (22 agosto), che ripercorre l'omicidio dell'operaio e sindacalista dell'Italsider di Genova Cornigliano, assassinato da un commando delle Brigate Rosse il mattino del 24 gennaio 1979.

 

"Un Festival – afferma il sindaco Maurizio Mangialardi – già iniziato sotto i migliori auspici con la presentazione del programma al 32° Salone del Libro di Torino lo scorso maggio e con la prestigiosa collaborazione che siamo riusciti a stringere con la Fondazione Pordenone Legge. Anche quest'anno il programma sarà di altissimo profilo culturale e vedrà i nomi più rappresentativi del panorama letterario nazionale giungere a Senigallia per presentare le loro ultime opere. Grande attenzione, come al solito, sarà data al giallo civile, genere che caratterizza in maniera originale il nostro Festival. Un ringraziamento particolare va a tutti coloro che hanno collaborato all'organizzazione della manifestazione, e in particolare alla Fondazione Rosellini che si conferma partner prezioso e imprescindibile".

 

Tra i nomi più noti al grande pubblico, poi, spiccano quelli di Marcello Simoni, uno dei massimi esponenti del giallo storico che sarà a Senigallia per presentare L'enigma dell'abate nero (19 agosto), Giampaolo Simi, con il suo libro  Come una famiglia  (20 agosto), la giovane, ma già apprezzatissima dal pubblico e dalla critica, Ilaria Tuti, con il suo Ninfa dormiente (23 agosto), e, per il giallo internazionale, l'inglese Kate Rhodes, che presenterà l'ultima sua opera La baia (18 agosto). Non mancherà, inoltre, l'imperdibile appuntamento con la lectio magistralis  del filologo e critico letterario Massimo Raffaeli (22 agosto), dedicata quest'anno a Vincenzo Consolo, l'ultimo testimone della grande narrativa siciliana a partire dal suo capolavoro Il sorriso dell'ignoto marinaio del 1976.

 

Da non perdere anche lo spettacolo teatrale La lista. Salvare l'arte: il capolavoro di Pasquale Rotondi di e con Laura Curino, che sarà messo in scena in anteprima regionale al teatro La Fenice il 23 agosto, alle ore 21,30. Il recital ripercorre i cinque anni, tre mesi e otto giorni di rischi, avventure rocambolesche, decisioni prese sul filo del rasoio dall'uomo che in gran segreto, all'indomani dell'8 settembre del 1943 e dell'invasione tedesca, obbedendo solo alla sua coscienza etica e al suo senso del dovere, anche a rischio della propria vita e di quella della sua famiglia impedì ai nazisti di mettere le mani sui Giorgione, Tintoretto, Piero della Francesca, Lotto, Mantegna, Donatello, Correggio, Caravaggio, Tiepolo e tante altre opere presenti nei musei e nelle pinacoteche delle Marche, del Veneto, della Lombardia, di Roma e di Napoli (i biglietti sono acquistabili sul circuito www.vivaticket.it e alla biglietteria del teatro La Fenice, aperta il venerdì e sabato dalle ore 18 alle ore 20,30).

 

Il Festival si concluderà il 26 agosto con due grandissimi ritorni: Alessandro Robecchi, con un altro divertente capitolo della saga che vede protagonista nelle vesti di un improbabile indagatore l'eccentrico autore televisivo milanese Carlo Monterossi, e Maurizio De Giovanni, autore di serie di grande successo come quelle del commissario Ricciardi e de "I Bastardi di Pizzofalcone", che a Senigallia racconterà il suo universo narrativo, dove la vera protagonista è la città di Napoli, ed eseguirà un reading di alcuni brani del suo ultimo romanzo Il pianto dell'alba, accompagnato dal sax del maestro Marco Zurzolo.

 

Infine, si rinnoverà l'appuntamento con la mostra che, in occasione dei novant'anni del giallo Mondadori, avrà come tema "I grandi del giallo". Allestita nei locali dell'Expo Ex dalla Fondazione Rosellini per la letteratura popolare, partner storico del Festival Ventimilarighesottoimari inGiallo, l'esposizione sarà inaugurata domenica 18 agosto da Franco Forte, direttore editoriale delle collane edicola di Mondadori.


Image
 
Image
 
Image
Image
Image
 
Image
 
 
Image
 


--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 14 giugno 2019

Riapre al Pubblico il MUSEO STORICO DEI BERSAGLIERI (18 giugno)

IL MUSEO STORICO DEI BERSAGLIERI RIAPRE AL PUBBLICO

 

Un gioiello della storia e della memoria risorgimentale e splendido edificio architettonico cinquecentesco è nuovamente fruibile ai visitatori.
Per i Bersaglieri la riapertura del loro Museo Storico è un altro tassello importante nel mosaico delle celebrazioni che hanno in programma per il prossimo anno per la ricorrenza dei 150 anni della "Breccia di Porta Pia". Allestito, in un luogo simbolo quale è Porta Pia, il museo è rimasto chiuso a lungo per problemi connessi con la messa a norma della struttura, oggi finalmente risolti, grazie all'impegno collaborativo tra lo Stato Maggiore dell'Esercito, il Comando Militare della Capitale e l'Associazione Nazionale Bersaglieri, in prima fila la Sezione di Roma. E' situato in una delle antiche Porte di Roma nelle storiche Mura Aureliane. Un edificio di proprietà del Comune, ceduto in uso perenne ai Bersaglieri attraverso una permuta del lontano 1932 proprio per tale finalità di Museo. Anche la data scelta per la riapertura è significativa, il prossimo 18 giugno ricorrenza del 183° Anniversario della Fondazione del Corpo dei Bersaglieri. La cerimonia ufficiale inizierà alle ore 11.30 e si svolgerà alla presenza di Autorità Civili e Militari all'interno della Porta, nel cortile dell'edificio michelangiolesco, seguirà alle 19.30 un concerto della Fanfara Bersaglieri "Nulli Secundus" di Roma Capitale aperto al pubblico. Porta Pia, da sempre luogo simbolo del nostro Risorgimento e dei romani, suggellerà per sempre, grazie ai fatti d'arme del 20 settembre 1870, il ritorno di Roma all'italianità con il suo indiscusso e riconosciuto ruolo di Capitale d'Italia. 

Associazione Nazionale Bersaglieri Roma Capitale
infoline: +39 06 5814996

sabato 8 giugno 2019

Carta Hype® ti regala 10€


💳 CARTA HYPE® TI REGALA 10€ 🎁

🥇 Sai perché ha vinto il premio di miglior carta ricaricabile dell'anno?

Canone annuo gratis per sempre
Nessun costo di ricarica
Non richiede un conto corrente
Codice IBAN per ricevere ed inviare bonifici
Prelievi gratuiti da ATM di tutto il mondo
Utilizzo della carta nei negozi (contactless)
Controllo delle spese tramite intelligenza artificiale

🕑 Attivala online in 5 minuti senza documenti cartacei, basta un selfie!


domenica 28 aprile 2019

inaugurata la scultura dedicata alla cipolla di Tropea dello scultore Giuseppe Carta nominato cittadino onorario del paese e che continua la serie dei grandi frutti della terra dopo il Peperoncino Gigante all'ingresso di FICO a Bologna, il monumento al Nebiolo, i peperoncini in Cina

Svelato il monumento alla cipolla rossa di Tropea dello scultore Giuseppe Carta, nominato cittadino onorario della città

La cipolla rossa,  il frutto che ha reso celebre Tropea in tutto il mondo, ha il suo monumento: una scultura dell'artista Giuseppe Carta. L'opera è stata svelata nella piazza principale del paese, in una cerimonia pubblica, è sarà il monumento al simbolo del paese calabrese. 

Con quest'ultima creazione artistica, l'evento ha aperto il "Tropea cipolla party", Giuseppe Carta conferma i prestigiosi riconoscimenti ricevuti nel panorama artistico nazionale ed internazionale. Solo pochi mesi fa, al prestigioso festival di Diamante, è stato nominato "Ambasciatore del peperoncino nel mondo" investitura ricevuta dall'Accademia Italiana del Peperoncino. A Bologna, a FICO, un peperoncino gigante dell'artista accoglie gli ospiti provenienti da tutto il mondo. Senza dimenticare il monumento al Nebiolo, nelle tenute di Fontanefredda ovvero la storica cantina del Barolo di OscarFarinetti, l'inventore di Eataly. Poi le opere volute da Andrea Bocelli per il Teatro del Silenzio e la melagrana gigantesca installata di fronte al Colosseo. I Peperoncini giganti di Carta sono stati adottati come simbolo della cultura e dell'economia locale nella città cinese Chongqing, una delle più grande della nazione asiatica.

Il monumento artistico è stato svelato davanti al sindaco di Tropea Giovanni Macrì ed è stato fortemente voluto dal direttore artistico della manifestazione Paolo Pecoraro grande estimatore del percorso creativo delle Germinazioni di Carta, un tributo a Madre Natura e alla cultura della terra. Una esperienza artistica valorizzata dai relatori durante la cerimonia dedicata all'inaugurazione del monumento. Il primo cittadino durante la manifestazione ha annunciato il riconoscimento  della cittadinanza onoraria al Maestro Giuseppe Carta e l'organizzazione di un evento celebrativo per il mese di maggio.

L'opera conquista l'attenzione per il verde brillante delle punte, il corpo che riprende  le forme originali del frutto ed il colore autentico della cipolla. Le radici sono state arricciate, di fronte ad un folto pubblico, direttamente dall'artista che ha coinvolto il sindaco, il direttore artistico, il presidente del Gal "Terre Vibonesi" e i sindaci del territorio. "Un atto di partecipazione e socializzazione per evidenziare come l'arte coinvolga ed unisca nel segno della bellezza– sottolinea il Maestro Carta – le diverse progettualità orientate alla valorizzazione economica e culturale dei frutti della terra e del lavoro delle comunità locali".




--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *