Cerca nel blog

mercoledì 18 ottobre 2017

Vigamus, il Museo del Videogioco italiano festeggia i suoi primi 5 anni di attività


Il Museo del Videogioco italiano festeggia i suoi primi 5 anni di attività

Questa mattina, in presenza della stampa, Fondazione VIGAMUS ha presentato i risultati raggiunti in questi 5 anni e le tante novità in arrivo




























Roma, 18 ottobre 2017 – Si è conclusa la conferenza stampa di questa mattina presso il VIGAMUS dove, in presenza della stampa e per celebrare il 5° anno di vita del Museo, sono stati illustrati i risultati raggiunti dal 2012 a oggi e le novità in arrivo.

La Presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, ha aperto la conferenza con un intervento nel quale ha sottolineato quanto sia importante per la città di Roma il ruolo ricoperto dal Museo del Videogioco, riconosciuto ufficialmente dalle istituzioni

"Il VIGAMUS rappresenta per Roma e per tutta l'Italia un vero e proprio fiore all'occhiello, che avvicina sempre più il mondo dell'innovazione a quello della cultura. Il videogioco oggi occupa, infatti, un posto di rilievo all'interno della nostra società, negli ultimi anni è cresciuto esponenzialmente diventando un elemento portante dell'industria della cultura e raggiungendo fatturati altissimi. Le potenzialità di questo medium sono enormi e superano la sfera dell'intrattenimento puro, offrendo ai giovani concrete opportunità di inserimento nel mondo del lavoro."

Il Direttore del VIGAMUS, Prof. Marco Accordi Rickards, ha poi inaugurato e accompagnato i giornalisti presenti all'evento a visitare la nuova area tematica Xbox Revolution, realizzata in collaborazione con Microsoft pensata come una piattaforma adatta a ospitare diverse tipologie di contenuti, che saranno aggiornati puntualmente, sempre in linea con gli ultimi lanci del marchio.



Paolo Bagnoli, Direttore della Divisione Xbox per l'Area Mediterranea, ha dichiarato in questa occasione: "Siamo entusiasti di presentare questo nuovo spazio all'interno del Museo del Videogioco in occasione di un traguardo così importante come i 5 anni dalla sua apertura. Questa nuova area darà l'opportunità a tutti i visitatori di vivere a pieno l'esperienza Xbox attraverso la sua storia e suoi successi".



Il Prof. Accordi Rickards, in particolare, ha evidenziato il ruolo educativo-pedagogico di Minecraft e l'importanza del legame tra videogioco e apprendimento. Minecraft sarà oggetto di uno speciale incontro con i bambini, domenica 22 ottobre, che saranno guidati dal docente Marco Vigelini, docente accreditato al programma Minecraft Global Mentor. Microsoft ha infatti realizzato un'edizione educational del gioco, pensata proprio per gli insegnanti: Minecraft Education Edition.

Il Prof. Accordi Rickards ha poi proseguito la presentazione annunciando l'inaugurazione della mostra internazionale Pokémon "Alola e i suoi abitanti" che farà tappa al VIGAMUS dal 19 al 29 ottobre e aprirà al pubblico gratuitamente.

Durante la conferenza è stato inoltre comunicato che nelle giornate di sabato 21 e domenica 22 ottobre i festeggiamenti al VIGAMUS continueranno, per la gioia di tutti gli appassionati del mondo gaming e le loro famiglie, che avranno la possibilità di visitare il Museo con ingresso gratuito e prolungato. 

Tra le numerose attività in programma per i bambini e i fan dei videogiochi sono previsti anche Tornei con NintendOn e la presentazione del volume della collana "I play, you play, She plays. 

Un (video)gioco da ragazze" con l'autrice Francesca Sirtori di Gamesprincess.itil noto media digitale d'informazione e approfondimento sul mondo dei videogiochi con contributi provenienti da donne videogiocatrici.

L'evento si è concluso con la presentazione del Programma di corsi Universitari VIGAMUS Academy / Link Campus University che, a partire dal prossimo Novembre, inaugura per l'Anno Accademico 2017/2018 il nuovo laboratorio "Creatori di Mondi - Art & Animation" di Maurizio Forestieri, Presidente ASIFA Italia e fondatore di Graphilm Entertainment. 

Il laboratorio fornisce le basi per dare vita a personaggi e ambientazioni coinvolgenti nei diversi settori dell'entertainment, dai videogiochi ai cartoon, creando un vero e proprio legame tra videogioco e disegno/animazione, consentendo agli studenti di entrare concretamente nel mondo del lavoro in qualità di artist e/o di animatori.

Parlando del collegamento con il settore della Game Industry, è stata poi annunciata la nuova edizione di Gamerome, che quest'anno si terrà presso la sede di VIGAMUS Academy/Link Campus University dal 24 al 26 novembre. A presentare l'evento è stata l'Event Director Micaela Romanini, Vice Direttrice di Fondazione VIGAMUS, che ha raccontato le tendenze più importanti e la particolare attenzione di questa edizione data ai temi degli E-Sports, con un workshop ufficiale Powered by ESL Asia e tenuto dal suo General Manager Frank Sliwka e della diversità nella Game Industry, con la presenza di David W. Smith, Fondatore di Women in Games come Speaker. 

Tra gli ospiti che interverranno, Agostino Simonetta, Leader EMEA del programma ID@Xbox, che terrà due interessanti interventi rivolti agli Sviluppatori, Tomonobu Itagaki, Creatore di Opere di Culto come la serie di Ninja Gaiden e di Dead or Alive e Denis Dyack, Creatore dei cult Eternal Darkness, Metal Gear Solid: Twin Snakes.



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 17 ottobre 2017

TheGIFER: il festival dedicato al fenomeno della GIF ART - Torino 3-5 novembre


La seconda edizione
Torino, 3-5 novembre 2017

Torna theGIFER, il festival dedicato al fenomeno internazionale della gif art, alla cui prima edizione hanno partecipato 102 artisti da oltre 30 Paesi del mondo. La seconda edizione conferma la vocazione internazionale del progetto, alla cui call hanno partecipato 111 artisti con una prevalenza dell'area europea, statunitense e sudamericana.

Questi i nominativi selezionati dalla giuria per la seconda edizione:
Marija Ancic (Croazia), Daniel Barreto (Messico), Bianca Cassinelli (Italia), Sebastian Hübner (Germania), Anna Malina (Germania), Ewan Marshall-Atherton (Regno Unito), Nicolas Monterrat (Francia), Louis Montiel (Messico), Maximiliano Paccagnella (Italia), Paula Palomar (Messico), Adam Pizurny (Slovacchia), Mike Plews (Regno Unito), Nikola Radulovikj (Macedonia), Colin Raff (USA), Diego Randazzo (Italia), Eleonora Roaro (Italia), Morena Sarzo (Italia), Xin Sun (Germania), Bill Tavis (USA), Frédéric Vayssouze-Faure (Francia), Balázs Verga (Ungheria), Richard Winters (Regno Unito) e Aranzazu Zamora (Messico).


I lavori verranno esposti presso la Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e la Galleria
Sabauda – Polo Reale, oltre che presso il Cinema Massimo- Museo Nazionale del
Cinema di Torino, dove verrà nuovamente ospitata la proiezione e la premiazione delle
opere in gara. 

Inoltre sugli schermi della metro GTT, come l'anno scorso, passeranno le
gif in concorso in una ideale mostra che si snoderà lungo le fermate.

La Fondazione Sandretto Re Rebaudengo ospiterà l'inaugurazione del festival il giorno
3 novembre alle ore 18: una grande proiezione di GIF sul lato esterno dell'edificio, animata da un dj set a base di computer music e suoni 8 bit a cura di Gambo. La Fondazione ospiterà inoltre una personale dedicata al vincitore del festival nei mesi a seguire.

La Galleria Sabauda, che ha sede presso la Manica Nuova di Palazzo Reale e
custodisce grandi capolavori delle principali scuole europee (tra cui Beato Angelico,
Mantegna, Jan van Eyck, Rembrandt, Rubens) ospiterà l'esposizione vera e propria del
festival. Le grandi opere d'arte del passato verranno messe in dialogo con le GIF
disseminate per le sale attraverso installazioni di monitor e proiezioni, creando un dialogo
tra passato e presente.

L'arte del passato e quella odierna costituiranno quindi un'ideale cornice dei lavori in
mostra, in un corto circuito tra passato e futuro che vedrà protagoniste le gif.

Passato e futuro rappresentano in qualche modo l'ambito stesso in cui si muove la pratica
della gif art, per motivi diversi: innanzitutto si tratta di un formato nato nel passato remoto
del web, ma che si è fatto interprete indiscusso del linguaggio odierno – proprio
quest'anno cade il 30esimo anniversario della nascita delle gif. Esse, inoltre, da un lato
evocano la magia del pre-cinema di centenaria memoria e dall'altro vivono nell'ipercontemporaneità della rete e dei social. 

Le gif, poi, per loro stessa natura, si muovono in un tempo ciclico dove all'inizio corrisponde la fine, dove passato e futuro si fanno circuito fluido. 

pastfuture è quindi il tema scelto per la nuova edizione del festival, una suggestione che sorge spontanea dall'identità delle gif e che ne celebra un compleanno di tre decadi, in un momento storico in cui questo linguaggio e formato risulta essere tra i più
vitali della scena artistica e creativa internazionale.

Questa seconda edizione vede inoltre una nuova collaborazione con lo IED di Torino,
da sempre all'avanguardia nell'esplorazione dei linguaggi creativi contemporanei.

L'Istituto, riconoscendo in questo ambito il valore e le potenzialità della gif art, è content
partner del festival attraverso un progetto ad hoc, che si articola in un workshop - al quale
parteciperanno gli studenti dei corsi di Graphic Design, Fotografia e Illustrazione IED
Torino-, un talk e un Premio dedicato (IED Award), finalizzati alla promozione e al
sostegno della pratica artistica più innovativa e originale dei nostri anni.

Gli esiti del workshop, tenuto da ILLO, verranno poi presentati nel corso del festival e della premiazione il giorno 4 novembre al Cinema Massimo.

Le opere pervenute in seguito alla call internazionale sono state selezionate dalla giuria
composta da Annamaria Bava (direttrice della Galleria Sabauda), Patrizia Sandretto Re
Rebaudengo (presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo), Stefano Boni e
Grazia Paganelli (responsabili della Programmazione del Museo Nazionale del Cinema),
Olga Gambari (curatore indipendente e giornalista), Valentina Tanni (Artribune), Simone

Massi (regista e autore della sigla della 73a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica
di Venezia) e Okkult Motion Pictures (duo di gif artists e partner del progetto).
Oltre al già citato IED Award e al theGIFER Award, primo premio del festival che consiste nella produzione di una mostra personale dedicata al vincitore alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, verrà riproposto in questa edizione l'Indice Award: il vincitore illustrerà il numero di gennaio 2018 de L'Indice dei Libri del Mese.

Il festival theGIFER fa parte del circuito di NESXT – Independent Art Festival
(www.nesxt.org)

Programma

3-5 novembre
Metro GTT
Selezione di GIF dal festival + GIF realizzate da workshop IED

3 novembre h. 18-21
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo | opening party
Proiezione delle gif in concorso + dj set by Gambo
Alessandro Gambo presenta un viaggio nella computer music, i suoni a 8 bit e i
videogame. Tra funghetti miracolosi, alieni invasori e corse automobilistiche.

4 novembre h.12
Galleria Sabauda - Polo Reale | Exhibition Opening
Un viaggio tra passato e futuro attraverso le sale del Museo con le opere dei Gifers.
Fino al 5 novembre

4 novembre h. 16
Cinema Massimo | talk + Award Ceremony
16.00 talk Conoscerete la nostra velocità: la velocità delle gif come metafora della velocità
nella nostra società. Partecipano Tommaso Delmastro, Roberto Giolito, Andrea Pagliardi,
Federico Salomone, Alessandro Scali. Modera Annalisa Russo.
17.00 Award Ceremony + sound by GENAU

----------------
TheGIFER è un progetto realizzato dall'Associazione ArteSera in collaborazione con
Okkult Motion Pictures.

www.thegifer.org
www.wearethegifers.tumblr.com
facebook / twitter: @wearethegifers

Info: info.thegifers@gmail.com

Staff
Direttrice: Annalisa Russo
Coordinamento giuria: Olga Gambari
Brand Identity & Community Manger: Okkult Motion Pictures
Account Manager: Silvia Garis


lunedì 16 ottobre 2017

STUDIO PIVOT INAUGURA 'LA STANZA'

Studio Pivot inaugura Giovedì 26 Ottobre La Stanza, il suo nuovo concept store a Via Cimarra 57a, nel cuore del Rione Monti. 

Nata per creare un punto di vista più fluido e accessibile sulle novità d'arte e design emergenti, La Stanza è un concept store dove poter apprezzare edizioni limitate di autori selezionati da Studio Pivot nel panorama nazionale e internazionale. 

Lo spazio, ex bottega artigiana nel cuore del quartiere Monti, fa da contrappunto ai colori vivaci di acquarelli, disegni e stampe in edizione limitata che insieme a fotografie, multipli e oggetti di design creano un insieme caratteristico che attinge alla vivacità del quartiere in cui è situato. 

La riproducibilità delle opere si concretizza senza sottrarre nulla all'esclusività dell'immagine, coinvolgendo il pubblico a iniziare e proseguire una propria collezione. 

Da sempre Studio Pivot, giovane studio di produzione culturale romano, è attento a garantire il godimento dell'arte attraverso un approccio alternativo rispetto a quello tradizionale.

Tra le novità proposte ne La Stanza c'è la collaborazione con gli spagnoli Clara Cebrian e Curated By; l'art director Anais La Rocca e l'illustratore e grafico pubblicitario Pablo Delcan, entrambi attivi a New York; le designer Gala Rotelli e Terry Di Rienzo e, per l'editoria d'arte, GRAM publishing e Colli Indipendent. 

Tra gli altri nomi sarà possibile trovare le edizioni limitate di Beatrice Cerocchi, Simone Cametti, Luca Di Luzio e molti altri ancora.

Per la sua inaugurazione La Stanza ospiterà le illustrazioni di Marialaura Fedi, visual designer e pittrice romana: la sua estetica, fortemente radicata nella cultura artistica italiana, si rigenera ogni giorno nei paesaggi della campagna laziale in cui risiede. 

Centro focale dell'esposizione sarà la sua serie di disegni Rome Wild Home: un tributo a Roma, ai suoi talenti, al suo spirito selvaggio che si sublima nell'arte e nelle sue architetture neoclassiche. 

Il centro dell'immagine è la figura femminile, che per Marialaura è espressione umana della grazia e della forza della natura selvaggia: generatrice di armonia, la donna conosce l'ordine segreto dello spazio e ne definisce il ritmo. 
--
www.CorrieredelWeb.it

ARTE PADOVA: può la tecnologia liberare il bambino che abbiamo dentro?


Dal 10 al 13 novembre 2017, personale di Antonio Salinari, un manager dell'informatica che diventa scultore realizzando opere con un'anima tecnologica e legni di alto pregio.

Giunta alla 28ª edizione, nel primo padiglione del polo fieristico padovano la mostra-mercato d'arte moderna e contemporanea Arte Padova pone i riflettori su nuovi talenti a fianco dei grandi maestri.

Nuovo volto dell'arte contemporanea, Antonio Salinari, rappresentato dall'équipe di Sabrina Falzone, critico e storico dell'arte, esporrà per l'occasione una raffinata selezione di opere create assemblando frammenti: simbolo dell'esigenza da parte dell'uomo di raccogliere i cocci dello sgretolamento del senso per tentare di costruire nuovi valori di riferimento.

Una peculiarità della sua scultura sta nell'evoluzione di questi frammenti, legni policromatici provenienti da tutto il mondo, metafora del reciproco assorbimento di culture e saperi (la "creolizzazione" di Edouard Glissant).

Espressione di questo percorso sono i bambini multietnici: mix di tecnologia e saper fare e allo stesso tempo messaggeri di significati accessibili. 

Ognuno di noi può intuire i loro gesti o immedesimarsi in uno di quei bimbi: aperto, fantasioso, entusiasta, ingenuo, sensibile verso l'ambiente…
E' l'esortazione a liberare il bambino nascosto dentro di noi.


Padova Fiere
Via Niccolò Tommaseo, Padova
Padiglione 1 – Stand n° 100
Vernice giovedì 9 novembre 2017 ore 18 (ingresso ad invito)
Expo: 10, 11, 12, 13 novembre 2017
ven, sab, dom 10.00 – 20.00
lun 10.00 – 13.00


--
www.CorrieredelWeb.it

domenica 15 ottobre 2017

Gli aforismi sul calcio di Randaccio il 20 ottobre a Parma

Gli aforismi sul calcio di Randaccio il 20 ottobre a Parma

Dialogheranno con l’autore Gabriele Majo, Sandro Piovani e Fausto Pizzi


In libreria per parlare di calcio in modo originale, fulminante e divertente, venerdì 20 ottobre 2017 alle ore 18,30 alla libreria Voltapagina in via Oberdan, 4 a Parma Gianvittorio Randaccio presenta "Il trequartista non sarà mai un giocatore completo" (ItaloSvevo). Dialogheranno con l’autore, Gabriele Majo (responsabile area comunicazione settore giovanile e squadra femminile del Parma Calcio 1913) insieme a Sandro Piovani (giornalista sportivo e conduttore di Bar Sport) e Fausto Pizzi (ex calciatore trequartista e coordinatore tecnico settore giovanile Parma Calcio 1913).

Forse il solo modo per parlare davvero di calcio consiste nell’avallarne gli infiniti stereotipi e mostrarne la natura, la dinamica fatale, alla stregua di un procedimento omeopatico come sostiene il filologo e critico letterario Massimo Raffaeli. Randaccio parte in dribbling, scarta la banalità, poi torna a farle il tunnel e non lo ferma più nessuno. Apologhi, flash, lampi, sguardi gettati gratis ovunque ci sia da dire qualcosa di obliquo rispetto a quello che siamo abituati a sentire. Il «discorso attorno al calcio» di Randaccio si risolve in uno zibaldone divertente e gustoso, dove il lettore - tra una pagina e l'altra del libro - può trovare appiglio in una battuta, un concetto, una modalità di espressione.




Opera prima del redattore e blogger milanese per la Piccola Biblioteca di Letteratura Inutile, curata da Giovanni Nucci per la ItaloSvevo, il libello è un’indagine ironica sul calcio come fenomeno di massa, evento mediatico, presenza costante nelle chiacchierate di tutto lo Stivale. Con un’ironia arguta e sottile, Randaccio racconta piccole storie, aforismi e brevissimi racconti sul calcio: non solo quello giocato nei grandi eventi, ma specialmente tutto ciò che sta attorno, l’enorme atmosfera emotiva e corale che si crea dopo ogni gol.

Francesca Caggiati

Walking Day Valenza: seguendo l’oro del Monferrato_Il 22 ottobre parte la camminata conviviale in Piemonte

Walking Day Valenza: seguendo l'oro del Monferrato

Il 22 ottobre parte la camminata conviviale alla scoperta del territorio tra gastronomia, artigianato e cultura. 

Valenza, 15 ottobre 2017 – Dopo il successo di Firenze e in attesa dell'incontro finale di Milano, il 22 ottobre il Walking Day arriva a Valenza, in provincia di Alessandria. Sarà dunque la città dell'oro a rappresentare la tappa piemontese del primo evento nazionale interamente dedicato al walking con un format innovativo dove la pratica del camminare diventa l'occasione per riscoprire il territorio attraverso cultura, artigianato e gastronomia.
Walking Day Valenza, patrocinato dal Comune di Valenza, coniuga promozione territoriale e attività sportiva dando vita a una camminata di circa 5 chilometri in cui apprezzare le caratteristiche della natura tra Po' e Monferrato. Il ritrovo con le iscrizioni è dalle 8.30 in Piazza XXXI Martiri per partire poi alle 11 tenendo presente una sola regola: vietato correre! La giornata infatti è per tutti, bambini, adulti e anziani e aperta anche agli amici a quattro zampe. Camminare è la migliore risorsa per vincere la battaglia contro la sedentarietà e per avvicinarsi alla pratica motorio-sportiva. A differenza di altri sport che richiedono competenze e abilità particolari, camminare è infatti un'attività alla portata di tutti. Questa passeggiata è l'ideale anche per i meno avvezzi alle attività fisiche in quanto prevede lungo il tragitto golosi punti di sosta in cui recuperare le energie e coccolare il palato con degustazioni di prodotti tipici.
Il Walking Day a Valenza non finisce qui. Al termine del percorso, infatti, l'iniziativa si trasforma in una vera e propria festa con la tradizionale sagra dell'alborella organizzata dalla Pro Loco e alle 15 i partecipanti sono invitati ad assistere al Palio del Filo D'Oro
Un filo del prezioso metallo è il trait d'union tra la pratica sportiva e le suggestioni fornite dal territorio in cui la competizione vera e propria scatta tra gli artigiani locali che gareggeranno divisi in quattro squadre per tirare un filo d'oro a partire da 5 grammi e superare così il primato di 133 metri. Da questo filo verranno poi creati i premi di partecipazione e tutti coloro che hanno preso parte alla camminata riceveranno un ricordo del filo d'oro del Monferrato.
"La tradizione del Palio del Filo d'Oro nasce dall'orgoglio e da un "saper fare" artigiano che è una della migliori caratteristiche della nostra terra: ogni angolo d'Italia può narrare la propria storia attraverso le mani di chi ha creato il proprio futuro. A Valenza queste storie parlano di Oro, perché questa è la città dell'Oro" afferma Giorgio Ganora, Presidente della Confraternita di San Bernardino, che racchiude gli ideatori e promotori del Palio del Filo d'Oro.
 "Siamo orgogliosi di ospitare il primo appuntamento piemontese con il Walking Day" afferma Massimo Barbadoro, Assessore al Commercio, Turismo e Manifestazioni del Comune di Valenza "il nostro obiettivo è  dare vita a una piacevole giornata ludico-culturale, che permetta di presentare al meglio ai cittadini e ai possibili visitatori le attività artigianali, le eccellenze gastronomiche e la bellezza del nostro territorio coniugando anche l'attività sportiva".
Per chi desidera condividere l'attesa del Walking Day, sabato 21 presso il B&B La Barbisa si potrà partecipare a un apericena di degustazione e allo spettacolo teatrale "Pinin e la masche" con Massimo Barbero del Teatro degli Acerbi.
Charity Partner Banco Alimentare a cui sarà devoluta parte della quota di iscrizione di ciascun partecipante.
Il costo d'iscrizione di 10 euro comprende pettorale, t-shirt e sacca dell'evento + un buono per 1 bicchiere di vino, 1/2 acqua e una degustazione di alborella. Si ci può iscrivere online o presso gli info point di Valenza.

PROGRAMMA DEL WALKING DAY
SAB 21/10 ASPETTANDO IL WALKING DAY
==================================
(c/o B&B Barbisa 1852 - Strada per Pavia 1/a - Valenza)
  • 18:00 Apericena con degustazione dei prodotti del Monferrato
  • 20:30 [fuori]Teatro: "PININ e le MASCHE", di L.Nattino, con Massimo Barbero - Teatro degli Acerbi

DOM 22/10 WALKING DAY VALENZA
==============================
(ritrovo in Piazza XXXI Martiri)
8:30 – 11:00
  • ISCRIZIONI e distribuzione del KIT di PARTECIPAZIONE
  • VALENZA ATELIER - Dimostrazione del "Palio del Filo d'Oro" con i maestri e gli allievi dell'arte orafa valenzana: come si lavora l'oro? Quanto può essere lungo un filo d'oro ottenuto da 5 gr d'oro? Vediamo i maestri all'opera in attesa dell'inizio della camminata!
11:00 – 12:30
  • WALKING DAY Valenza - Percorso lungo gli argini e il Parco del Po con soste golose di degustazione
12:30 – 17:30
  • ARRIVO e PREMIAZIONE dei PARTECIPANTI con il FILO D'ORO di Valenza
  • FOOD&WINE sulla rive del Po con la Sagra dell'Alborella, i mercatini del gusto e altro ancora, per concludere la giornata all'insegna del gusto con i vini e cibi del Monferrato.
  • PALIO DEL FILO D'ORO: sfida tra squadre di orafi a chi tira il filo più lungo! Una gara unica, come solo a Valenza si può fare!

ISCRIZIONI 
Il costo d'iscrizione comprende pettorale, t-shirt e sacca dell'evento + un buono per 1 bicchiere di vino, 1/2 acqua e una degustazione di alborella:
  • ISCRIZIONE GRATUITA per ragazzi under 14 accompagnati da un maggiorenne (un adulto per ogni ragazzo) 
  •  ISCRIZIONE ADULTI: 10€
  •  ISCRIZIONE RIDOTTA: 5€ per i possessori di card L'Oro dal Po al Monferrato (1 iscritto per card) e per i Soci della Proloco Valenza
  •  ISCRIZIONE GRUPPI: 5€ per iscritto
    » per gruppo si intende un insieme di almeno 5 persone 

--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 14 ottobre 2017

Michelangelo Pistoletto presenta Ominiteismo e Demopraxia e inaugura Diplomacy 2017 il 19 ottobre a Roma:

MICHELANGELO PISTOLETTO inaugura DIPLOMACY

VIII Festival della Diplomazia


15 anni dopo Love the difference-movimento artistico per una politica intermediterranea, Michelangelo Pistoletto presenta il suo ultimo Manifesto: Ominiteismo e Demopraxia

19 ottobre, ore 10.00 Sala Pietro da Cortona al Campidoglio - Roma
"Non si può lasciare alle pure ragioni della speculazione economica la guida della politica mondiale. Un nuovo pensiero deve ispirarla… I sistemi politici, tradizionalmente intesi, mostrano ormai insufficienti capacità nell'affrontare e risolvere i grandi problemi insiti nella trasformazione culturale in corso che coinvolge la società mondiale e lo stato fisico del pianeta. Adesso il mondo occidentale parla finalmente di arte e di creatività come possibile risorsa da sfruttare per ristabilire il controllo sulle cose" – Michelangelo Pistoletto

La mediazione culturale è un poderoso strumento, in grado di favorire la pace, orientando culture diverse su una strada comune.

Per questo, sarà Michelangelo Pistoletto, uno dei massimi artisti italiani di fama mondiale, a inaugurare il 19 ottobre presso la Sala Pietro da Cortona al Campidoglio l'ottava edizione del Festival della Diplomazia – Diplomacy con un incontro inedito in cui l'artista promotore di Cittadellarte si confronterà con l'Ambasciatore di Colombia e altre istituzioni per spiegare come il lavoro dell'artista sia una traduzione dell'utopia e della teoria per una nuova fase della società.

Se l'importanza dell'arte come mediazione culturale è oggi largamente riconosciuta, è anche grazie al lavoro di artisti come Michelangelo Pistoletto che nella sua lunga carriera artistica ha mostrato grande interesse verso questo tema.

Dopo Love the difference - movimento artistico per una politica intermediterranea - inaugurato nel 2002 con lo scopo di raccogliere, tra i paesi che si affacciano sul Mar Mediterraneo, personaggi e istituzioni che siano interessate a creare prospettive nuove, oltre i confini culturali - anche recentemente, il maestro Pistoletto ha dato prova del profondo e personale credo nell'importanza della mediazione culturale, inaugurando all'interno del Museo Nazionale di Belle Arti di La Havana a Cuba la nuova Walking Sculpture. Un'opera, portata in giro per le strade di La Havana, perché, come ha affermato Il Maestro: "Rappresenta una speranza e un'opportunità [..] Se si lancia una sfera tra le persone, reagiranno alla sfera e inizieranno a giocare con essa, cercando di spingerla verso un obiettivo, cogliendo l'occasione. In questo caso, la palla è anche una grande metafora degli incontri della vita e delle interazioni".

Il Festival della Diplomazia – Diplomacy (19 – 27 ottobre) è un viaggio nella geopolitica, che a Roma apre le porte di luoghi istituzionali, università e ambasciate. L'ottava edizione, intitolata "Principi e princìpi - Il sistema geopolitico fra interessi nazionali e valori universali", stimolerà il dibattito e la curiosità di addetti ai lavori e giovani studenti sullo stato attuale della diplomazia, in bilico fra politiche risolute e approcci multilaterali. Tra gli ospiti Daniel Drezner, Lorenzo Bini Smaghi, Simon Anholt, Giampiero Massolo, Michael Klare, Beatrice Covassi e molti altri.


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI