Cerca nel blog

martedì 29 dicembre 2009

Lezioni di arte e cultura con Elation



Fra un po sarà arrivato il momento di fare i regali per San Valentino. Si sa, spesso è un'impresa ardua trovare il regalo giusto e indimenticabile soprattutto quando si tratta di accontentare il proprio partner.
Elation propone quest'anno qualcosa di veramente alternativo e diverso, quest'anno regalate un viaggio nell'arte.
Un viaggio alla scoperta dell'arte e dei suoi capolavori. Tesori nascosti da scovare con la guida di esperti, curatori, consulenti, insegnanti. Il viaggio che arricchisce il viaggiatore. Un piacere per la mente e per il corpo.
Un viaggio alla scoperta dell'arte e dei suoi capolavori. Tesori nascosti da scovare con la guida di esperti, curatori, consulenti, insegnanti. Il viaggio che arricchisce il viaggiatore. Un piacere per la mente e per il corpo.
Una giornata per immergerti nell'esperienza artistica, a contatto con la sensibilità di una pittrice sui generis, fuori dagli schemi, sia nella scelta dei soggetti da rappresentare, sia nella scelta delle tecniche da utilizzare.

Potrate acquisire le nozioni e le tecniche di base per la realizzazione di opere su tela, cartone, vetro ed altri materiali Al termine della giornata riuscirete a realizzare con l'aiuto dell'artista, una piccola opera, da portare con voi come ricordo dell'esperienza vissuta.

La creazione diretta dell'opera vuole quindi essere un modo per lasciarvi esprimere il vostro potenziale: creatività sulla tela come forma di libertà di pensiero e di autorappresentazione.

Oltre alle tecniche pittoriche, potrate comprendere la varietà delle forme attraverso le quali avvicinarvi all'arte, vivendo un'esperienza anche rigenerante, con attività in armonia con il paesaggio e con la natura (le location scelte potranno essere una collina, la spiaggia o lungomare, una rocca).

Dal punto di vista tecnico, l'esperienza verterà sui seguenti punti:
- indizi di localizzazione spaziale (la disposizione delle forme);
- indizi di profondità (come concepire e modellare la profondità);
- lo spazio tra le linee;
- il punto di vista e lo spazio delle percezioni, che modifica la visione delle cose;
- spazio e stati d'animo;
- inquadrature e composizione.

Il programma dell'esperienza è così suddiviso:
- ore 09.30: incontro con l'artista, presentazioni, descrizione della location e illustrazione del programma della giornata;
- ore 10.00: scelta della tecnica di pittura, del soggetto da rappresentare e delle regole di base per la realizzazione del bozzetto e per il passaggio dal bozzetto alla tela;
- ore 10.45: realizzazione del bozzetto da parte del cliente, con l'aiuto dell'artista;
- ore 12.00: prima fase di realizzazione del quadro da parte del cliente, con l'aiuto dell'artista;
- ore 13.00: pausa pranzo;
- ore 14.00: seconda fase di realizzazione del quadro;
- ore 16.00: pausa caffè;
- ore 16.15: ultima fase di realizzazione del quadro e ritocchi;
- ore 17.15: asciugatura del quadro e sintesi delle conoscenze acquisite;
- ore 18.00: consegna del quadro e saluti finali.

Per maggiori info:
Per maggiori info:
Servizio clienti
da Lunedí a Venerdí
dalle 9:00 alle 18:00
045 81 06 017
servizio.clienti@elation.it

venerdì 18 dicembre 2009

Giovani e arte. Premiata attivita' continuativa di 53 associazioni




GIOVANI E ARTE. RIZZI (MILANO): "PREMIATA L'ATTIVITÁ CONTINUATIVA DI 53 ASSOCIAZIONI"

Milano, 18 dicembre 2009 – "Con il contributo di 135mila euro stanziato oggi, sosteniamo 53 associazioni presenti sul territorio che nel 2009 hanno svolto attività culturali e di supporto alle diverse forme di espressione creativa e artistica giovanile, offrendo l'opportunità a ragazzi tra i 14 e i 30 anni di sviluppare le proprie capacità in un contesto di aggregazione positiva".
Con questa motivazione, espressa dall'assessore allo Sport e Tempo libero Alan Rizzi, la Giunta ha approvato oggi una delibera che assegna contributi alle associazioni giovanili (con consiglio direttivo a maggioranza di under 30) e a quelle che operano in favore dei giovani (età dai 14 ai 30 anni).
Il provvedimento di oggi fa seguito all'emissione di un bando per la richiesta di contributi cui hanno partecipato 63 associazioni. Le domande sono state esaminate dalla commissione del settore Tempo libero – servizio Reti e iniziative per i giovani che ha valutato le attività realizzate nel 2009 sulla base dei criteri fissati dal regolamento per l'erogazione dei contributi. Alla fine sono state ritenute idonee 53 associazioni. Questi i criteri generali previsti dal bando:
-    tipologia dell'associazione, con riferimento all'età dei componenti (associazione operante in favore dei giovani o associazione con consiglio direttivo a maggioranza di under 30);
-    capacità aggregativa, in relazione alla presenza e al radicamento nel mondo giovanile, con riferimento al  numero dei soci di età compresa tra i 14 e i 30 anni;
-    capacità di coinvolgimento di un'utenza giovanile, prendendo come riferimento il numero dei giovani che  usufruiscono delle attività e delle iniziative pur non essendo associati;
-    incidenza sul territorio e nella comunità locale;
-    analisi dell'attività svolta e dei risultati ottenuti nel corso dell'anno;
-    capacità di lavorare in rete con altri soggetti associativi (documentabile attraverso adeguato materiale informativo);
-    capacità di innovazione e di far emergere nuove forme espressive;
-    presenza o meno di finanziamenti e sovvenzioni da parte di enti pubblici alle attività svolte;
-    situazione finanziaria e capacità economica e organizzativa dell'associazione richiedente.

Non sono state prese in considerazione le richieste di contributo per:
-    attività di associazioni che offrono esclusivamente corsi formativi a pagamento;
-    attività  relative a un progetto;
-    attività svolte in convenzione con l'Amministrazione e/o con altri enti;
-    attività di soggetti, occupanti senza titolo, immobili o operanti in sedi occupate abusivamente da altri soggetti;
-    attività di soggetti che hanno in corso procedimenti contenziosi con il Comune di Milano o risultano debitori a qualsiasi titolo.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 17 dicembre 2009

Arte contemporanea. Mostra “Il grande Gioco”


ARTE  CONTEMPORANEA. PRESENTATA MOSTRA "IL GRANDE GIOCO"

Milano, 17 dicembre 2009 – L'arte contemporanea dal 1947 al 1989 raccontata in tre grandi mostre dislocate tra Lissone, Milano e Bergamo. Il progetto  "Il Grande Gioco. Forme d'arte in Italia 1947 – 1989", promosso dagli Assessorati alla Cultura di Comune e Regione in collaborazione con la Città di Lissone, il Comune di Bergamo e la Città di Lugano, si articola su tre spazi espositivi: dal 24 febbraio al 9 maggio 2010 al Museo d'arte contemporanea di Lissone saranno esposte opere dell'immediato dopoguerra fino al 1958, alla Rotonda della Besana di Milano il periodo 1959-1972 e alla GAMeC di Bergamo gli anni più recenti, dal 1973 al 1989.

"Milano pone sempre più attenzione all'arte contemporanea come dimostrano le oltre 20 mostre organizzare dall'inizio dell'anno alle quali si sommano numerosi incontri e conferenze sul tema – spiega l'assessore alla Massimiliano Finazzer Flory –. Con questo progetto ci si libera da alcuni confini amministrativi restituendo un rapporto tra Milano e la Lombardia che si fa sempre più compatto, ordinato e intenso".

Tre grandi mostre, dunque, per descrivere e interpretare quarant'anni di storia italiana. Quelli dal 1947 al 1989, dall'immediato dopoguerra alla caduta del muro di Berlino, furono anni cruciali per l'Italia. Sono stati gli anni della ricostruzione dopo una guerra tra le più devastanti, ma anche del celebrato "miracolo italiano", gli anni della contestazione e del terrorismo, gli anni della Guerra fredda. Anni fondamentali per capire l'Italia di oggi, la sua economia, politica e arte.

Per la prima volta in modo organico una grande mostra cerca di fare il punto su quel periodo magmatico, contraddittorio e vivace, tentando di verificare come nel corso di quegli anni, l'arte abbia influenzato la società.

A ideare il progetto e curare la mostra Luigi Cavadini, Bruno Corà e Giacinto Di Pietrantonio.

Una rilettura di sintesi della mostra si terrà dal 3 luglio al 26 settembre 2010 presso la sede del Museo d'Arte di Lugano.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 16 dicembre 2009

Le metamorfosi della videoarte. Dagli anni '60 ad oggi

Centro d'Arti e Ricerche Multimediali Applicate

Conferenza

"Le metamorfosi della video arte… Dagli anni '60 ad oggi"

Tenuta da: Marco Maria Gazzano e Veronica D'Auria

Con la partecipazione di Lino Strangis 

Videoinstallazioni di Nam June Paik e Lino Strangis 

Venerdì 18 Dicembre ore 17:30

Sede nazionale Ass. A.I.A.S.P. 

Venerdì 18 Dicembre in occasione del finissage della mostra di apertura del C.A.R.M.A. (Centro d'Arti e Ricerche Multimediali Applicate) si terrà la mini conferenza dal titolo Le metamorfosi della video arte… Dagli anni '60 ad oggi.

Il Professor Marco Maria Gazzano, uno dei maggiori esperti europei della materia, affiancato dalla giovane curatrice (coordinatrice del gruppo Le Momo Electronique) Veronica D'Auria segneranno un breve ma preciso excursus storico a partire dalla nascita di queste forme d'arte negli anni '60 fino alla situazione attuale, strettamente legata alla diffusione e alla evoluzione dei sistemi di produzione digitale.

Non a caso la conferenza si tiene nell'ambito della prima mostra proposta dal Centro che vede come protagonisti Nam June Paik e Lino Strangis, per segnare gli estremi storici del fenomeno e così disegnarne l'ampiezza: come è noto infatti Paik è globalmente riconosciuto come padre della disciplina mentre Strangis è uno dei più attivi giovani autori italiani ed in particolare romani di oggi.

L'iniziativa intende offrire un'occasione di dibattito per appassionati ed esperti ma anche una possibilità ai completi neofiti di intrattenere un primo approccio con questo affascinante mondo anche attraverso la visione dei contributi video di alcuni dei più significativi autori di questa arte.

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.

C.A.R.M.A., A.I.A.S.P. , viale Irpinia n.50, Roma (Largo Telese)

                     e-mail: ass.carma@gmail.com                   

Ufficio Stampa: Veronica D'Auria: 349 2304021, veronica.dauria@gmail.com

Arte contemporanea. Finazzer Flory a presentazione mostra “Il grande gioco”



ARTE CONTEMPORANEA. FINAZZER FLORY A PRESENTAZIONE MOSTRA "IL GRANDE GIOCO"
 
Milano, 16 dicembre 2009 – Domani, giovedì 17 dicembre, alle ore 11.00, presso la sede della Regione Lombardia (Sala Pirelli), in via Fabio Filzi 22, l'assessore alla Cultura Massimiliano Finazzer Flory interverrà alla presentazione della mostra "Il grande gioco. Forme d'arte contemporanea in Italia 1947 – 1989".
Saranno presenti:
Massimo Zanello, assessore regionale alla Cultura
Claudia Sartirani, assessore alla Cultura del Comune di Bergamo
Daniela Ronchi, assessore alla Cultura del Comune di Lissone
Luigi Cavadini, Bruno Corà e Giacinto Di Pietrantonio, curatori della mostra.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 11 dicembre 2009

Ricominciare da Zero_Galleria di Architettura "come se"




La Galleria di Architettura "come se" è lieta di presentare:
"Ricominciare...da Zero"
mercoledì 16 dicembre 
dalle ore 13.00 alle ore 20.30

L'Associazione Internazionale Save the Children, presenta il rapporto annuale su "I minori stranieri in Italia" ed il rapporto attività del progetto CivicoZero
CivicoZero è un centro diurno che si trova a Roma, nel quartiere San Lorenzo e che lavora con i minori dai 12 ai 19 anni.  Per festeggiare il suo primo anno di attività ha organizzato in collaborazione con la Galleria di Architettura "come se" un allestimento dal titolo "Ricominciare...da Zero"
Interamente realizzato dai ragazzi, l'allestimento è pensato come un percorso in cui, sono le voci dei ragazzi a guidarci, mediante il racconto delle loro esperienze, dei luoghi dove vivono e dei loro luoghi di ritrovo in cui, l'allestimento, come in un esploso architettonico, fa emergere pezzi di "abitazioni-baracche" realizzate con il materiale di recupero raccolto in strada. Il tutto è accompagnato da immagini, da suoni e voci che ci proiettano in uno spazio e in un tempo diversi...quelli della strada, in cui, tutto è intensamente presente ma allo stesso tempo fortemente assente e dove, questo piccolo progetto è una nuova storia da cui ricominciare, ricominciare da Zero.

l'opening della mostra sarà accompagnato da un buffet


 

Galleria "come se"
via dei Bruzi 4-6
00 185 Roma, Italy


Arch. Rosetta Angelini, direttrice

tel: 39 0644360248

mercoledì 9 dicembre 2009

mostra su Italia e Romania IL PREZZO DELLA LIBERTÀ

IL PREZZO DELLA LIBERTÀ

TRACCE, EROI E FRUTTI DELLA RIVOLUZIONE ROMENA DEL 1989

Una mostra ed un libro per ripercorrere i giorni della libertà

della Romania e la sua attualità, per conoscere davvero l'orgoglio di un popolo fratello 

Forum di presentazione  alla stampa

giovedì  10 dicembre alle ore 12.00

Accademia di Romania in Roma

(Valle Giulia) Piazza José de San Martin, 1 

Partecipano:

Umberto Croppi Assessore alla Cultura del Comune di Roma

Veronica Marica Presidente e Direttore Artistico Makenoise

Giuseppe Rippa Direttore Quaderni Radicali

Cornel Baicu Vice Direttore dell'Accademia di Romania in Roma

Una testimonianza - Miruna Cajvaneanu, Giornalista Romena

dell'agenzia HotNews e della Gazeta Romaneasca 

Si terrà, dal 10 dicembre 2009 al 10 gennaio 2010, presso l'Accademia di Romania in Roma - Viale delle Belle Arti, 110 - la mostra-evento e la presentazione del libro (Editore Postcart)  "Il prezzo della Libertà – Tracce, eroi e frutti della rivoluzione romena del 1989", promossa dall'associazione culturale Makenoise  sulle immagini del fotografo Manolo Cinti e realizzata grazie al contributo del Comune di Roma e del Consiglio Regionale del Lazio. La mostra gode, inoltre, del patrocinio del Parlamento Europeo. 

La mostra inaugurerà  alle ore 17 del 10 dicembre. 

Molti ricorderanno le immagini emozionanti dei romeni insorti sventolando la bandiera nazionale dalla quale era stato strappato via il simbolo del regime. La mostra, composta da un racconto fotografico a colori insieme a video di testimonianza, si propone di sottoporre all'attenzione del visitatore la serie di avvenimenti storici attraverso cui si è dispiegata la Rivoluzione romena del 1989: la sollevazione di popolo, il sacrificio dei martiri, la partecipazione di sacerdoti, intellettuali, operai, contadini alla causa della libertà. La mostra ripercorre un "prima", "durante" e "dopo" la Rivoluzione, facendoci conoscere un popolo con una storia importante fatta di coraggio e voglia di libertà, del quale, invece, si parla spesso collegandolo semplicemente a questioni di ordine pubblico. 
 

La mostra è stata realizzata in collaborazione con:

Accademia di Romania in Roma, Salvabebè/Salvamamme, Zètema Progetto Cultura;

Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. Il movimento dei romeni di Europa, Italia Romania per l'Integrazione e lo Sviluppo, Identità rumena, Noi siamo rumeni, La voce dei rumeni, Amici della Romania, Piccoli Imprenditori Rumeni. 

Manolo Cinti – Fotografo

Fotografo di cronaca e reportage. Per due volte inserito nel Festival Internazionale di Roma: nel 2007 con Sri Lanka Stories e nel 2008 con Decorazione e Propaganda. A febbraio del 2009, Cinti espone presso il Museo di Roma in Trastevere, nell'ambito del progetto "Roma: quando l'immigrazione produce"; a giugno dello stesso anno presenta a Palazzo dei Congressi di Roma "Volontari di Cuore". E' tra i fotografi selezionati per la mostra internazionale "Save l'Aquila". Rappresentato come artista dalla Galleria Studio Legale. Collabora con le maggiori testate italiane. Vive a Roma, lavora in Italia e all'estero. www.manolocinti.it 

Makenoise - L'arte libera che fa rumore

Makenoise è un'Associazione culturale indipendente che ormai da qualche anno riunisce giovani artisti, fotografi e scrittori, desiderosi di misurarsi con le sollecitazioni del tempo e della città in cui vivono e lavorano. Un'officina culturale e luogo di confronto dove poter sperimentare linguaggi inediti che facciano presa sulla straordinaria varietà del visibile e del reale, del sommerso e del virtuale. L'intento è di documentare, anticipandoli, i processi sociali e umani in atto, cercando di cogliere il lato positivo e meno scontato del fenomeno, le sue evoluzioni e prospettive future mescolando i saperi e sperimentandoli sul campo.  Makenoise è riuscita a riunire, attraverso uno sforzo partecipato, arti visive, giornalismo e scrittura creativa. Con il contributo di ognuno si possono raggiungere obiettivi impensati e perseguire progetti di largo respiro interrogando le coscienze, suscitando emozioni, parlando chiaro e a tutti. Nessuno escluso.  

UFFICIO STAMPA 
In Media Res Comunicazione srl - Via Parenzo, 8 – Roma Tel. 06. 86209234

Alessandro Maola  - Cell. 339.233.55.98

www.makenoise.it 
 

MOSTRA "SIMBOLISMI MEDITERRANEI"



Mercoledì 9 dicembre alle ore 19.00
s'inaugura presso il Centro Culturale Biotos ed il suo SpazioBquadro
la collettiva

"SIMBOLISMI MEDITERRANEI"
Stanze di artisti



La mostra a cura della Prof.ssa Laura Bica resterà aperta sino al 19 dicembre e, sotto la direzione artistica di Marco Pomara ed il coordinamento di Antonina Bologna, presenterà le opere di 10 artisti siciliani:

Angela Zuccarello
Anna Torregrossa
Celestina Salemi
Daniela Longo
Vicky Albegiani
Andrea Vitale
Loredana Sirna
Anna Mazzamuto
Enrico Siragusa
Nancy Sofia


Orari: dal martedì al sabato ore 10-12/17-19, domenica ore 17-20

Centro Culturale Biotos & SpazioBquadro
via XII gennaio 2 - Palermo
Infoline: 091-323805

"Reflection and Retroreflection" mostra dell'artista Irachena Hadeel Azeez Dhaher



La Galleria Tracce arte contemporanea, presenta dal 12 dicembre 2009 al 3 gennaio 2010 "Reflection and Retroreflection" titolo della mostra dell'artista Irachena Hadeel Azeez Dhaher, nata a Baghdad.
A causa della guerra in Iraq del 2003, l'artista ha dovuto interrompere gli studi accademici intrapresi nella sua terra e contestualmente si è trasferita in Italia, dove ha continuato a dipingere affinando la sua tecnica.
Nel corso degli anni ha realizzato e partecipato a diverse mostre personali e collettive.
L'idea che ha ispirato il titolo di questa mostra nasce dal desiderio di esplorare in profondità la natura dei diversi punti di vista e comportamenti di noi esseri umani indagando, allo stesso tempo, sul nostro grado di consapevolezza rispetto a quello che desideriamo e perchè.
Pertanto, il filo conduttore dei dipinti scelti dall'artista per questa mostra è l'enigmatico ritornello esistenziale "Chi sono io e perchè sono quì?", visualmente rappresentato da uno specchio, o da un'immagine speculare, che riflette la coscienza umana.
In questi dipinti, l'idea di "riflesso e retro-riflesso" è costruita su una doppia semantica dove l'elemento fisico della tecnica scelta assume, nel contempo, un significato metafisico.
Pertanto, la struttura delle superfici è concepita in modo tale che, non appena la luce si riflette su di loro, viene subito rimandata nella stessa direzione da cui proviene: è proprio in quell'attimo che si manifesta la vera natura delle superfici riflettenti.
Un simile procedimento è riscontrabile anche nella vita quotidiana, quando quelli che definiamo segreti esistenziali si manifestano, a volte in una forma comprensibile altre ambigua, in uno stesso movimento repentino di riflessione e retro-riflessione.
Nel mondo globalizzato di oggi, gli artisti, spesso prendono in prestito stili, tecniche e forme di espressione da diverse culture. Di conseguenza, anche la poesia che Hadeel ha utilizzato nei suoi dipinti spesso riprende forme di espressione da altre culture ed epoche, intesi come esempi di alcuni tentativi confusi intrapresi dall'essere umano nel cercare un' interpretazione plausibile. In particolare, in questi dipinti la tecnica utilizzata intende creare un effetto di 'antico' che, contemporaneamente, vuole dar forma ad un concetto moderno quale l'esistenzialismo.

Vernissage: sabato 12 dicembre, ore 20.00.
Luogo: Galleria Tracce, Corte dei Romiti 8 - ang. via Palmieri, Lecce. Tel. 0832306059.
Catalogo in galleria, presentato e curato da Claudia Grieco.
Intervento musicale del chitarrista Salvatore Russo Trio.







--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it

martedì 8 dicembre 2009

Christmas Tree d' Artista: La definitiva mostra di Natale - Pergola (PU)



Titolo: Christmas Tree D'Artista: La definitiva mostra di Natale
Artisti: Laura Baldini, Alberto Barbadoro, Max Bottino, Domenico Buzzetti, Luca Caimmi, Giacomo Carnesecchi, Veronica Chessa, Roberto Cicchinè, Tiziana Contino, Francesco D'Isa, Veronica Dell'Agostino, Francesco Diotallevi, Massimo Festi, Alice Grassi, Alessandro Grimaldi, Erika Latini, Dario Molinaro, Erika Patrignani, Michele Pierpaoli, Giorgio Pignotti, Rita Soccio, Valeria Stipa, Rita Vitali Rosati
Cura: Dario Ciferri
Luogo: Sponge Living Space, via Mezzanotte 84 - 61045 Pergola (PU)
Coordinamento e comunicazione: Sponge ArteContemporanea
Inaugurazione: sabato 12 dicembre 2009, ore 18:00
Periodo: 12 dicembre 2009 - 9 gennaio 2010 visita su appuntamento
Info:
+39 339 4918011, pressoffice@spongeartecontemporanea.net

Christmas Tree D'Artista: La definitiva mostra di Natale è una mostra circoscritta nello spazio di un albero sintetico, una collettiva inusuale che raccoglie una moltitudine di linguaggi che seguono tutti la stessa base di partenza: la palla natalizia. E' stato chiesto agli artisti di realizzare una palla decorativa per l'albero di Natale lasciando piena libertà creativa.
Il periodo Natalizio è il momento dell'anno più singolare, le strade diventano più luminose, le case più decorate, il cibo aumenta in dosi eccessive, le vetrine dei negozi vengono riempite di ogni prodotto, ma nel terzo millennio e nei tempi di crisi finanziaria e sanitaria cosa significa tutto questo? La secolarizzazione della società contemporanea non risparmia di certo il Natale, la simbologia cristiana diventa un semplice decoro, l'affanno consumistico aumenta e forse il famoso detto "A Natale si è tutti più buoni" perde di significato. Le iniziative di arte contemporanea legate al natale non si contano più: allora perchè Christmas Tree D'Artista?

"L'albero di Natale è un simbolo sospeso tra sacro e profano, luminoso e decorativo offre un'immagine di ricchezza, diventando talvolta anche un simbolo di potere. Eppure al tempo stesso evoca sogni, festa e gioia, il posto sotto al quale si trovano i doni. L'abete che nella tradizione nordica accoglieva i bambini portati dalla cicogna è posto a rappresentare l'arrivo del bambino Salvatore del Cristianesimo. Ogni artista ha realizzato una decorazione per l'albero, un momento del proprio percorso artistico che va a incontrare il Natale, una festa che nonostante tutte le critiche rivolte al consumismo che gli ruota intorno, resta un momento fondamentale per continuare a sognare e sperare in un mondo migliore". (Dario Ciferri)

Ogni artista ha dato la sua risposta, ognuno seguendo il proprio linguaggio, le proprie ossessioni, il proprio pensiero. Le opere proposte si interrogano sul Natale e tutti i suoi annessi passando dalla denuncia all'ironia, dalla religione alla provocazione.

L'evento a cura di Dario Ciferri coinvolge 23 artisti: Laura Baldini, Alberto Barbadoro, Max Bottino, Domenico Buzzetti, Luca Caimmi, Giacomo Carnesecchi, Veronica Chessa, Roberto Cicchinè, Tiziana Contino, Francesco D'Isa, Veronica Dell'Agostino, Francesco Diotallevi, Massimo Festi, Alice Grassi, Alessandro Grimaldi, Erika Latini, Dario Molinaro, Erika Patrignani, Michele Pierpaoli, Giorgio Pignotti, Rita Soccio, Valeria Stipa, Rita Vitali Rosati. L'inaugurazione di Christmas Tree D'Artista è prevista per il giorno 12 dicembre 2009 alle ore 18.00 negli spazi della home gallery Sponge di Pergola. La mostra sarà visitabile fino al 9 gennaio 2010.

Per informazioni consultare il sito www.spongeartecontemporanea.net

In allegato:
- Domenico Buzzetti 'White Xmas'
- Michele Pierpaoli 'untitled'
- Rita Soccio 'Le tre Marie'

---

Sponge ArteContemporanea
casella postale 2 - 61045
Pergola (PU), Italy
www.spongeartecontemporanea.net
spongecomunicazione@gmail.com

 

sabato 5 dicembre 2009

SFILARE NELL' ARTE - III APPUNTAMENTO - 11 DICEMBRE: Pittura in gara, Moda, BSSM concert & SanLò dance school




Sfilare nell'Arte

Spazio ai giovani, spazio all'arte, spazio al divertimento!

 

Per la nuova stagione 2009/2010 il progetto Sfilare nell'Arte organizza una serie di 7 eventi cardine presso il noto locale romano AKAB, sito in via di Monte Testaccio 69 a Roma.

Terzo appuntamento del progetto fissato per venerdì 11 dicembre ore 21.00.


Ingresso: euro 10,00 con buffet e consumazione inclusa.


Il confronto tra stili, essenze, anime e idee ha l'obiettivo comune di condurre il pubblico non solo nel mondo dell'arte e dell'astrazione, ma soprattutto lungo il percorso individuale di ogni singolo artista, durante il quale non mancherà la possibilità di assaggiare le innumerevoli sfiziose varietà di piatti offerti dal locale, buon vino e ottima musica.

Il pubblico ha parte attiva nella serata in qualità di Giuria Popolare. Potrà infatti indicare non solo l'artista preferito, ma anche dare una votazione alla band in concerto. Il voto di chiunque è importante per selezionare l'artista finalista che parteciperà all'evento di chiusura in Giugno 2010 (in palio 600,00 euro) e per indicare la band preferita che accompagnerà la serata conclusiva del concorso!

A tutto questo, si aggiungerà una Giuria Tecnica per la sezione Arte che si occuperà di orientare e valutare il lavoro degli artisti.



Programma

  • Ore 21.00 - Ingresso con tappeto musicale di Davide Leo & Antonio Tagnani (TwoPeople)
  • Ore 21.30 - Spettacolo danza del ventre/tribale della Scuola SanLò
  • Ore 21.30 - Cena Buffet offerta da Akab Disco con consumazione inclusa
  • Ore 21.45 - Inizio gara sezione pittura e apertura della mostra dedicata alla moda con abiti di Sfiorami (Frieda Basso&Davide Nisi)
  • Ore 22.30 - Inizio concerto BSSM (Red Hot Chilli PeppersTribute Band)
  • Ore 24.00 - Fine concerto e chiusura della gara
  • Ore 24.15 - Inizio serata Disco!


Artisti in gara:

  • Araujo - pittrice
  • Cerchiara - pittore
  • Cicero - pittore
  • Gianfermi - pittrice
  • Motroni - pittrice
  • Tucciarelli - pittrice

Giuria: Rossana Calbi, Cristina Carnevali, Lucrezia Alessia Ricciardi, Manuela Nocella, Valentina Gramiccia


Ospiti: Silvia Sfregola del quotidiano Il TempoWeb, Scuola di danza Sanlò


A cura di: Sfilare nell'Arte di Riccardo Pinto & Viola Cinti


Collaborazioni: Il TempoWeb, Scuola di danza Sanlò


Dopo le 24.00, 1st Floor, sala Akab "I AM SEXTEEN. Come & Play!" progetto artistico in
cui musica, fotografia e finzione interagiscono per creare un coinvolgimento totale del pubblico, in
un'atmosfera giocosa, trasgressiva e colorata! Supersexy o supertrash. Ultrachic o radical-clochard, a noi basta che sia poser! Gioca a trasformarti e re-inventarti con baffi finti e parrucconi, sculetta come
Madonna, dimenati come Elvis con finte chitarre e microfoni-spazzole. Cospargiti di glitter e collane
colorate e poi divertiti a farti fotografare nelle pose più strane a ritmo di electro e colpi di anni '80. Un
angolo bizzarro dove prendersi troppo sul serio è un taboo! 

-sala Garden:  selezione House commerciale curata dai Dj Chicco Allotta, Alex Divina e Filo Gentili e dal vocalist Chicco Rossi;
-sala CaveBlack project curato da Akaraka promozioni:"one in town friday", special guest dj Jekey,
dance groove:juju jul baby pink, special crew: dj set ,dj flowz, dj Stan, dj smoking. Ospite duke
montana+Guille Vidal-Ribas 


Info:(fb) Riccardo Pinto +39 349.1812422
      (fb) Viola Cinti + 39 334.2648625
                www.sfilarenellarte.blogspot.com
      


Ufficio Stampa
Sfilare Nell'Arte




www.CorrieredelWeb.it

martedì 1 dicembre 2009

Natale con l' arte



I RITRATTISTI

Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea
Opening: Mercoledì 2 Dicembre ore 18
In mostra fino al 7 Dicembre 2009
Ingresso libero
Orario di visita:
da martedì a venerdì dalle ore 16:00 alle 19:00;
sabato dalle 10 alle 12
Curatrice: Sabrina Falzone
Presso: Galleria Il Borgo



La Galleria Il Borgo è lieta di presentare la Mostra Internazionale d'Arte "I Ritrattisti" con  l'intento di promuovere le innumerevoli espressioni artistiche legate all'iconografia del ritratto, trovando un filo conduttore tra la tradizione storico-artistica figurativa e le novità tecnico-esecutive del secolo corrente.
Per l'occasione sono stati selezionati artisti italiani e stranieri dalla formazione differente e dalla provenienza eterogenea, creando così un terreno fertile per gli scambi artistico-culturali tra diverse maestranze, scorgendo in esse non solo i punti di distacco stilistico e formale, ma anche le linee afferenti.
L'esposizione è dedicata al genere del ritratto e approfondisce l'espressività umana e le rappresentazioni reali o ideali di volti noti e sconosciuti al grande pubblico: basti pensare alla scultura del musicista Dizzy Gillespie eseguita da Matteo Maggio o al volto femminile di Marilyn Monroe, soggetto dei ritratti di Francesco De Maio, che diviene un culto di ammirazione nell'arte contemporanea.
Colpisce l'emozionalità degli scatti in bianco e nero di Maria Chirco e Paola Pacella, con cui dialogano le opere d'arte realizzate da Elena Marelli e Daniele Del Sette, entrambe delicatissime nell'esecuzione.
Il genere artistico dell'autoritratto è proposto, invece, da Davide Carrozzo e Cartasso, abili nell'interpretazione pittorica. Soggetti attualissimi sono i ritratti virili di Antonella Iacoli dallo stile americano, Dalì di Valentina Berna Berionni e Pollock di Giovanni Gozzelino, che presentano tutti una sorprendente efficacia comunicativa e desiderio di innovazione del concetto di arte, mentre l'amore per la tradizione storico-artistica si evince magnificamente nei lavori di Diana Cepleanu, Eva Golebiowska Zem e Marica Baglieri.
Il ritratto raggiunge ottimi esiti anche nella produzione creativa di Vanessa Galli e Valeria Diamanti. La poetica del grottesco è tuttavia perpetrata dallo spirito acuto di Antonio La Rosa e dal revival espressionista di Elena Menga.

Espongono: Elena Menga, Antonio La Rosa, Valeria Diamanti, Vanessa Galli, Diana Cepleanu, Eva Golebiowska Zem, Marica Baglieri, Davide Carrozzo,  Valentina Berna Berionni, Giovanni Gozzelino, Antonella Iacoli, Maria Chirco, Paola Pacella, Elena Marelli, Daniele Del Sette, Matteo Maggio, Francesco De Maio


Presso: Galleria Il Borgo
Corso San Gottardo 14, 20136 Milano
Info: info@sabrinafalzone.info - www.sabrinafalzone.info



Materiale fotografico:
http://www.flickr.com/photos/31023900@N06/sets/72157622789419915/



martedì 24 novembre 2009

Normal architettura



NORMAL ARCHITETTURA & MULTIDISCIPLINARIETA', PER UN FUTURO SOSTENIBILE
Conferenza 
Venerdi, 27 novembre 2009, ore 11.00 
Restrcuttura 2009- Sala Gialla
Torino- Lingotto Fiere 
Il mondo delle professioni e dell'architettura ha subito in quest'ultimo decennio il contraccolpo della rivoluzione tecnologica e digitale che ha trasformato il nostro pianeta in una sfera globale interconnessa. L'architettura e il territorio sono la rappresentazione concreta dei nuovi sviluppi che i sistemi locali ed internazionali hanno intrapreso in questo terzo millennio. 
L'immagine romantica della professione dell'architetto, ancora in auge in parte del mondo accademico e nazionale, è stata superata dall'evidenza degli eventi. Professionalità integrata al progetto, sistematicità e capacità organizzative assolutamente nuove, sono oggi le attività che l'architetto contemporaneo deve essere capace di acquisire. L'obiettivo dell'architettura contemporanea è risolvere le contraddizioni e dare soluzioni alla comunità per equilibrare il tenore e la qualità della vita secondo le leggi dell'ambiente e dell'habitat. Ciò che pare oramai ovvio è che occorra utilizzare approcci multidisciplinari per il raggiungimento dell'obiettivo finale.
Partecipa alla conferenza:

ANDREAS KIPAR, architetto paesaggista, MAURIZIO VARRATTA, architetto, ENRICO FRIGERIO, architetto. FORTUNATO D'AMICO critico e curatore della conferenza,AMEDEO SCHIATTARELLA, Presidente della Casa dell'Architettura di Roma, BRUNO GABBIANI Presidente di Ala AlassoArchitetti e membro del consiglio direttivo della Confprofessioni italiana, ELISABETTA MAZZOLA Vice Coordinatrice GAT, Francesco De Biase Dirigente Arti Visive Comune di Torino.

giovedì 19 novembre 2009

Super Arti Performative: Societas Raffaello Sanzio

SUPER sentieri neobarocchi tra arte e design

Arti Performative

a cura dei Cantieri teatrali Koreja  

Societas Raffaello Sanzio di Romeo Castellucci

21 - 29 novembre 2009  LECCE ex chiesa S.Francesco della Scarpa 

21 novembre ore 18: Dialogo tra Romeo Castellucci e Fabio Acca

21 e 22 novembre ore 20 - 21 - 22: Azione scenica "Storia dell'Africa Contemporanea vol.III"

23 - 29 novembre: Installazione  del ciclo filmico Tragedia Endogonidia

                           

Ultimo appuntamento di SUPER SENTIERI NEOBAROCCHI TRA ARTE E DESIGN, rassegna inserita in "Puglia Circuito del contemporaneo", il progetto regionale approvato nell'ambito dell'Accordo di Programma Quadro 'Sensi Contemporanei' sottoscritto dalla Regione Puglia con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Ministero dello Sviluppo Economico e realizzato dalla Provincia di Lecce e Cantieri Teatrali Koreja con il coordinamento della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Puglia. 

La storica compagnia teatrale di Cesena Societas Raffaello Sanzio sarà impegnata a Lecce in una serie di eventi che si terranno nella splendida cornice dell'ex Chiesa di San Francesco della Scarpa. Primo appuntamento sabato 21 novembre in un incontro aperto al pubblico con  Romeo Castellucci, regista e fondatore della compagnia e Fabio Acca, critico e studioso di teatro. A seguire la prima giornata di messa in scena dell'azione scenica Storia Dell'Africa Contemporanea vol III, piccolo gioiello della durata di 12 minuti che coinvolge la famiglia artistica di Castellucci con i suoi numerosi figli interpreti di questa intensa performance. Tre gli spettacoli alle ore 20.00, 21.00 e 22.00 per solo 40 spettatori alla volta che saranno replicati anche domenica 22 novembre negli stessi orari. L'ingresso prevede un biglietto simbolico di 3 euro, è consigliata la prenotazione via telefono o mail presso i Cantieri teatrali Koreja. 

Dal 23 al 29 novembre dalle 17 alle 20.30  l'ex Chiesa di San Francesco della Scarpa sarà animata dalla video installazione del Ciclo filmico Tragedia Endogonidia, undici film degli spettacoli della Societas Raffaello Sanzio di Romeo Castellucci, realizzati da Cristiano Carloni e Stefano Franceschetti con le musiche originali del compositore Scott Gibbons, create in collaborazione con Chiara Guidi.

I filmati, girati in vari teatri tra Italia ed Europa, percorrono l'intera sequenza degli "Episodi" con le loro figure principali e ricorrenti e colgono l'evoluzione di questa Tragedia che stabilisce un nuovo legame con la città e l'attualità. Attraverso la proiezione della sequenza degli "Episodi" si potrà scorrere lo sviluppo del processo della Tragedia; sarà possibile assistere allo spettacolo delle figure principali e dorsali che ricorrono sempre; sarà visibile l'intero piano architettonico costruito lungo tutto il progetto; si potrà, infine, intuire il sistema drammatico che la Tragedia Endogonidia ha inaugurato stabilendo un nuovo legame con la città e determinando una nuova economia dell'arte. 

PREVENDITA e INFORMAZIONI

Cantieri Teatrali Koreja, via Guido Dorso, 70 – tel. 0832.242000 / 240752

e-mail: info@teatrokoreja.it

www.teatrokoreja.it        

UFFICIO STAMPA MANUAL

manual.press@gmail.com                  

lunedì 16 novembre 2009

Arte, Architettura e Territorio_tavola rotonda_19 Novembre 2009

Tavola Rotonda

Arte, Architettura e Territorio

19 Novembre 2009

ore 18.00 
 
 
 

"Nei suoi linguaggi di confine l'arte contemporanea vive di contaminazioni, sconfinamenti, intrecci, duetti e duelli".( Achille Bonito Oliva )

Ma  se l'arte  testimonia le contraddizioni del tempo in cui viviamo, strutturandole formalmente, l'architettura è lo specchio e la coscienza materiale dell'umanità,  territorio dove individuo e società, ordine e disordine si incontrano.

Il contatto tra  Il luogo e  l'opera  d'arte può tradursi in un rapporto di conflitto o di simbiosi; quando l'arte abbandona i suoi spazi consueti per intervenire a scala territoriale sulla natura, creando un impatto, rimettendo in discussione le gerarchie tradizionali della fruizione, genera un'emozione percettiva. Il suo ruolo non sarà più contemplativo, bensì rappresentativo di un rapporto attivo tra uomo e natura fuori da ogni stanzialità,  stabilendo i termini di un nuovo linguaggio: quello dell'integrazione, della trasversalità. 
 
 
 
 
 
 

Fondazione Volume!

sabato 14 novembre 2009

Carlo Bernardini LA LUCE CHE GENERA LO SPAZIO

 

GROSSETTI ARTE CONTEMPORANEA

 

il Direttore per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia Mario Turetta

L'Assessore all'Arredo, Decoro Urbano e Verde del Comune di Milano,  Maurizio Cadeo

l'Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Massimiliano Finazzer Flory

l'Assessore alla Cultura del Comune di Torino, Fiorenzo Alfieri

invitano all'inaugurazione di

 

Luci d'artista a Palazzo Litta

 

Carlo Bernardini

 

LA LUCE CHE GENERA LO SPAZIO

 

Palazzo Litta, Corso Magenta 24, Milano, 18 novembre 2009, ore 19,00

Dal 18 novembre 2009 al 25 gennaio 2010, ore 17 – 22

 


 

 

Palazzo Litta sede della Direzione dei Beni Culturali della Lombardia, in collaborazione con l'assessorato all'Arredo, Decoro Urbano e Verde del Comune di Milano, l'assessorato alla Cultura del Comune di Milano  e l'assessorato alla Cultura del Comune di Torino, all'interno della programmazione rispettivamente di LED, Light Exhibition Design a Milano e Luci d'Artista a Torino, apre alla città il suo cortile d'onore con il progetto di luce ambientale di Carlo Bernardini, La luce che genera lo spazio.

Una grande installazione in fibra ottica espressamente pensata per l'occasione trasforma la percezione degli spazi aulici del palazzo, offrendo l'occasione per riscoprire e visitare uno degli edifici storici più significativi e amati della città.

"Attraverso l'arte contemporanea possiamo ancor meglio conoscere e apprezzare il patrimonio storico di cui Milano è ricca. - afferma il Direttore Regionale Mario Turetta - Nella collaborazione con Torino si moltiplicano gli effetti delle proposte d'arte in un sodalizio già collaudato con la musica."

L'opera site-specific di Bernardini prosegue nello sviluppo di un linguaggio sperimentato in prestigiosi spazi pubblici in Italia e all'estero. La luce attraversa lo spazio aereo del cortile d'onore, penetrando internamente all'edificio e legando insieme i volumi dell'area esterna con le sale interne, il tutto nelle linee di un dinamico disegno.

Come scrive l'artista: "L'installazione si appropria dello spazio e lo fagocita nel suo interno eludendone la fisicità. E' un rapporto di dominio quello che la forma spaziale instaura con il luogo, lo penetra, lo feconda, lo riduce in suo potere sino a trasformarlo in essa stessa. E' un gioco dei ruoli quello in cui lo spazio si trasforma da contenitore in opera: il disegno di luce lo attraversa penetrandovi, ed una volta all'interno ne oltrepassa le mura senza soluzione di continuità. La linea in fibra ottica passa di stanza in stanza perforando le pareti e sforando attraverso i pavimenti, coniugando l'ambiente esterno con l'interno in un unico disegno: "Lo spazio permeabile", il luogo in cui La luce genera lo spazio".

Carlo Bernardini é nato a Viterbo nel 1966. A partire dal 1996 opera stabilmente a livello internazionale con grandi installazioni innovative in fibra ottica, approdando ad una trasformazione percettiva dello spazio, tesa a ridefinire i volumi del luogo attraverso l'inusuale impatto di misteriosi tracciati luminosi.

Questa grande installazione é un ulteriore sviluppo sperimentale del linguaggio che si riscontra sia nel 2008 nelle Interrelazioni nello Spazio al Castello di Rivara, in cui Bernardini nell'interno di un'unica installazione in fibra ottica ha inglobato tre stanze ed un corridoio passando attraverso i muri da parte a parte, sia nel 2009 a Milano da Grossetti Arte Contemporanea, dove la fibra ottica attraversa e oltrepassa le pareti della galleria.  

Vive e lavora a Milano. Si e` diplomato nel 1987 all'Accademia di Belle Arti di Roma. Nel 1997 ha pubblicato il saggio teorico sulla Divisione dell'unità visiva edito da Stampa Alternativa. E' stato invitato a due Quadriennali di Roma e a una Triennale di Milano. Ha vinto per due volte nel 2000 e nel 2005 il premio Overseas Grantee della Pollock Krasner Foundation di New York, e nel 2002 il premio Targetti Art Light Collection White Sculpture. E' insegnante di Installazioni Multimediali all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Dal 1996 opera con la fibra ottica con cui ha realizzato grandi installazioni ambientali esterne in fibre ottiche, e sculture pubbliche permanenti in acciaio inox e fibre ottiche in diverse città italiane, tra cui a Reggio Emilia ai Chiostri di S.Domenico in occasione della mostra 2000 Anni Luce, a Padova nel 2000 al Palazzo della Ragione per Accordi di Luce, nel 2002 a Sculpture Space, Utica - New York e a Bangkok alla Nacional Gallery of Contemporary Art, l'anno seguente le grandi sculture presentate a Roma in Piazza del Campidoglio per il Semestre di presidenza italiana nell'Unione Europea, nel 2004 il grande intervento al Museo Paço Imperial di Rio De Janeiro; è del 2007 l'installazione allo Swing Space della Lower Manhattan Cultural Council di New York e del 2008 Light Waves, opera permanente presso l'Aeroporto di Brindisi. Recentemente ha esposto con installazioni ambientali al Dumbo di New York, alla Ciudad De Las Artes Y Las Ciencias di Valencia, a Bologna in Piazza S.Stefano per Art First - Arte Fiera di Bologna, e al progetto Twister della rete regionale dei Musei della Lombardia. 

 

Grossetti Arte Contemporanea
Via di Porta Tenaglia 1/3 - 20121 Milano
Tel (+39) 02 29 06 21 28
Fax (+39) 02 29 01 47 67
galleria@grossettiart.it
www.grossettiart.it





giovedì 12 novembre 2009

SFOGLIANDO IL NATALE Esposizione Internazionale Arte Contemporanea

SFOGLIANDO IL NATALE

Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea
Opening: Venerdì 20 novembre ore 18
In mostra fino al 30 novembre 2009
Ingresso libero
Orario di visita:
da martedì a venerdì dalle ore 16:00 alle 19:00;
sabato dalle 10 alle 12
Special Guest: Nadia Presotto giornalista del Corriere dell'Arte
Curatrice: Sabrina Falzone
Presso: Galleria Il Borgo

Artisti finalisti:

Irene Brandt, Giusy Fossati, Marialuisa Sabato, Renato Luparia, Rosalba Panzieri, Nadia Presotto, Albina Dealessi, Giorgetti, Barbara Romano, Marzia Cabano, Paola Cenedese, Gabriella Maddalena Macidi


La Galleria Il Borgo ha indetto il Concorso Mostra Internazionale d'Arte "Sfogliando il Natale" con l'obiettivo di promuovere le espressioni artistiche legate all'iconografia del Natale, trovando un suggestivo connubio tra la poesia e le arti visive.
Il critico e storico dell'arte Sabrina Falzone ha così selezionato validi artisti italiani e stranieri da proporre alla casa editrice italiana Minuto d'Arco per la serie Libellula Edizioni che ha pubblicato la raccolta di poesie natalizie, intitolata "Sfogliando il Natale".
Al progetto editoriale è affiancata un'esposizione internazionale d'arte contemporanea dall'omonimo titolo visitabile dal 20 al 30 novembre 2009 presso la Galleria Il Borgo, ubicata in uno dei quartieri più esclusivi di Milano in pieno centro cittadino, a due passi dai Navigli e da Porta Ticinese.
Il concorso suggerisce nuove riflessioni e interpretazioni tematiche connesse al Natale, prestando particolare attenzione a differenti realtà artistiche e all'impiego di tecniche e stili eterogenei che partono dal figurativo fino all'astrazione segnica.
Dopo un complesso lavoro di valutazione delle opere concorrenti sono stati ammessi alla finale nove artisti su trenta per la sezione di arti figurative: Giusy Fossati, Marialuisa Sabato, Renato Luparia, Rosalba Panzieri, Nadia Presotto, Albina Dealessi, Giorgetti, Barbara Romano e Irene Brandt, mentre per la sezione poesia sono stati menzionati esclusivamente cinque scrittori, tra cui Marzia Cabano, Paola Cenedese, Gabriella Maddalena Macidi e ancora una volta Rosalba Panzieri e Giusy Fossati, personalità che hanno mostrato una particolare completezza espressiva.
Dalle opere concorrenti è emerso un inaspettato ancoramento alla tradizione storico-artistica dedicata al Natale tale da suggellare nell'espressione figurativa le motivazioni intrinseche della creatività contemporanea. Questo aspetto denota un grande legame con la storia e le proprie origini.
Il vincitore del concorso "Sfogliando il Natale" è Giorgetti, autore messinese a cui la casa editrice Libellula Edizioni ha dedicato la copertina della raccolta natalizia in quanto ha saputo cogliere con moderna sensibilità e novità esecutiva profonde considerazioni sul significato dell'esistenza umana afferente al tema del Natale; Giorgetti raggiunge l'obbiettivo introspettivo attraverso la purezza dell'astrazione e l'originalità dell'up/down, riecheggiando la tradizione novecentista legata a Mark Rothko. La duplice lettura dell'opera "Giallo e Blu" consente la relazione con lo stato d'animo dello spettatore, che diviene protagonista dell'atto creativo nella scelta del verso di lettura.
Al secondo posto figura Albina Dealessi dal Piemonte in concorso con l'opera "Nascere", che è stata in grado di fondere il tema dell'origine con la luce, affiorante da uno sfondo più cupo; il gioco cromatico ha, infatti, veicolato il messaggio dell'opera d'arte, non più affidato alla rappresentazione naturalistica dell'immagine.
La terza posizione è stata assegnata a Rosalba Panzieri e Giusy Fossati in ex aequo per l'espressività eclettica manifestata sia attraverso la scrittura, sia con l'arte pittorica.
Al quarto posto si sono classificati Renato Luparia e Nadia Presotto: il primo ha saputo creare un'aulica atmosfera natalizia mediante l'esperienza professionale della fotografia, la seconda ha puntato sulla figurazione di un efficace scorcio urbano di Betlemme immerso in un'atmosfera di ghiaccio, allusione ai "rigidi inverni" della vita che attraverserà Cristo.
La quinta classificata è Marialuisa Sabato che scalfisce la tela con una gestualità impavida, sicura ed emozionale. Infine, una menzione di merito da parte della critica va anche all'ambientazione naif di Irene Brandt e ai suggestivi paesaggi invernali di Barbara Romano divisi tra nostalgia e ricordi.




Presso: Galleria Il Borgo
Corso San Gottardo 14, 20136 Milano
Info: info@sabrinafalzone.info

mercoledì 11 novembre 2009

SENSUALI E MACABRE PIN UP IN MOSTRA! dal 20 novembre a Bari, Galleria Fabrica Fluxus - RIOT QUEER IS DEAD, una mostra da ballare


COMUNICATO STAMPA


RIOT QUEER IS DEAD

Just like a rock star

 

LA PRIMA MOSTRA PERSONALE IN ITALIA

DI RIOT QUEER, ARALDO DEL PUNK SURREALISM

A cura di Francesco Paolo Del Re e Fabrica Fluxus

 

BARI – GALLERIA FABRICA FLUXUS

dal 20 novembre all'11 dicembre 2009

vernissage 20 novembre ore 19.00

 

            Disturbante, sensuale, irriverente, orrorifica, erotica: l'arte di Riot Queer (classe 1982, romano di nascita, milanese di adozione e cosmopolita per vocazione) non conosce mezze misure e non offre altre scelte allo spettatore e alla critica che non siano i due estremi opposti dell'odio e dell'amore. Dopo i successi di San Francisco e Parigi, arriva per la prima volta in Italia una mostra personale di Riot Queer, araldo del movimento Punk Surrealism e propugnatore di una bellezza ribelle e irregolare, che sa essere allo stesso tempo conturbante e pericolosa, macabra e seducente.

Sbudellato da una groupie in preda a un attacco di gelosia dopo aver scoperto il suo idolo a letto con il suo migliore amico o fatto secco da un vecchio critico d'arte esasperato dal suo cattivo gusto e dal comportamento indecoroso che sfoggia in ogni pubblica esternazione, Riot Queer mette a frutto l'occasione di questa sua prima personale in Italia per portare in scena la sua dipartita rock che, secondo copione, non è certo la migliore delle morti possibili. Il titolo della mostra è "Riot Queer is dead. Just like a rock star" e, a fare da contorno al fetido feretro dell'artista, saranno proposte al pubblico due serie di lavori realizzati del 2009.

La mostra, curata da Francesco Paolo Del Re e dal collettivo Fabrica Fluxus, inaugura il 20 novembre alle 19.00 a Bari, presso gli spazi della Galleria Fabrica Fluxus (via Marcello Celentano 39), ed è visitabile fino all'11 dicembre. Non solo quadri da guardare: l'inaugurazione di "Riot Queer is dead. Just like a rock star" è l'evento più atteso dell'intero autunno barese, mescolando arte e musica in un mix avvincente e trascinante. La mostra ha infatti un'ispirazione musicale, abbinando opere a celebri pezzi rock, e il vernissage sarà tutto da ballare, grazie a un imperdibile dj set a tema.

            Influenzato dal fumetto underground, dal tatuaggio e dal punk rock, Riot Queer è autore di immagini disturbanti, in cui si mescolano elementi orrorifici ed erotici. Le protagoniste dei suoi acquerelli sono pin up dal look aggressivo, vestite con capi di abbigliamento fetish e ornate di tatuaggi e piercing, sull'esempio delle Suicide Girls della celebre community online statunitense, le modelle che hanno rivoluzionato il modo di concepire l'erotismo softcore ispirandosi allo stile dark, punk, indie e alternativo.

 

INFORMAZIONI TECNICHE SULLA MOSTRA:

TITOLO:                      RIOT QUEER IS DEAD. JUST LIKE A ROCK STAR

A CURA DI:                  Francesco Paolo Del Re e Fabrica Fluxus

ARTISTI:                      Riot Queer

SEDE:                         Bari, Galleria Fabrica Fluxus, via Marcello Celentano 39 - INGRESSO GRATUITO

DATE:                          dal 20 novembre all'11 dicembre. Vernissage 20 dicembre, a partire dalle 19.00

ORARI:                         dal lunedì al sabato, dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 16.30 alle 20.30

INFO:                           080.5236319 fabricafluxus@gmail.com

www.fabricafluxus.com www.myspace.com/riot_queerrr

 



Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI