Cerca nel blog

domenica 17 luglio 2016

100 STORICI DA TUTTO IL MONDO A TRIESTE PER IL NONO CONGRESSO ANNUALE DELL'INTERNATIONAL SOCIETY FOR CULTURAL HISTORY (TRIESTE, 18-22 LUGLIO)

Dopo Bucarest, Johannesburg, Istanbul e Brisbane, il Congresso annuale dell'ISCH arriva in Italia per la sua nona edizione, dedicata al tema "Gender and Generations". In occasione del Congresso anche l'annuncio del vincitore del premio annuale ISCH al miglior saggio di storia culturale
 

TRIESTE – E' dedicato a un tema di scottante attualità, "Gender and Generations", e si svolgerà per la prima volta in Italia, a Trieste, dal 18 al 22 luglio prossimi, il nono Congresso Annuale dell'International Society for Cultural History (ISCH), prestigiosa associazione cui aderiscono storici della cultura di tutto il mondo.

Il Congresso, che viene ospitato ogni anno in un diverso paese del mondo - dalla Romania (2015) al Sud Africa (2014), dalla Turchia (2013) all'Australia (2009), per citarne alcuni -, riunirà a Trieste, per tre intense giornate di studio ospitate nell'Aula Magna del Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, della Interpretazione e della Traduzione, un centinaio di storici di diversi paesi dai quattro continenti, e si concluderà con una tavola rotonda nell'Auditorium del Castello di Duino, con visita del Castello per gli ospiti.

Sarà quindi una vera e propria Convention degli storici che lavorano nell'ambito della storia culturale, che si riconoscono nei suoi scopi e nei suoi metodi.

"Il gioco intergenerazionale dei generi sarà l'oggetto della loro indagine e rappresentazione nel suo dispiegarsi attraverso ruoli, valori, memorie, racconti, pratiche, rituali, nelle relazioni di lavoro, attraverso i paradigmi del potere, negli spazi pubblici e privati, tra identità e corporeità" sottolinea la professoressa Gabriella Valera, responsabile scientifico del Convegno, che si sviluppa coralmente attraverso un centinaio d'interventi, lezioni magistrali di eminenti storici di fama internazionale e sessioni tematiche.

Genere e generazioni sono fortemente connessi, e non solo perché la percezione del genere è mutata con il passare del tempo, fluidificandosi, ma anche perché in questi ultimi anni, complice la crisi economica e la lotta per l'equiparazione dei diritti tra generi (femminile, maschile, gay, transgender), il divario tradizionalmente conflittuale tra generazioni e generi ha cambiato natura assumendo contenuti diversi e complessi.

Ad aprire il Congresso, organizzato a Trieste grazie all'impegno della professoressa Valera, socio fondatore dell'ISCH e docente di storia presso le Università di Trieste e Udine, è una Lecture di Patrizia Dogliani, professoressa di Storia Contemporanea nell'Università di Bologna, dal suggestivo titolo "Gendering Generations".

"La lezione – suggerisce la professoressa Valera - analizzerà che cosa ha significato e che cosa significa nella storia dare forma alle generazioni attraverso le qualificazioni di genere, pensarle, organizzarle, riconoscere al loro interno specifici statuti di soggettività".

"Con le tre giornate di studio di quest'anno – continua la prof.ssa - l'International Society for Cultural History (ISCH) intreccia i contenuti e i metodi della storiografia di genere con quelli delle storie dei giovani e delle culture giovanili, sollevando questioni che investono il rapporto con le fonti e lo specifico di una modalità storiografica che accetta la sfida del suo costante rimettersi in discussione. 

Casi di studio e comparazioni possibili, tempi e culture diversi, ricchezza dei materiali storiografici e questioni metodologiche daranno vita a panel tematici e lezioni, godibili anche da un pubblico non specializzato, di illustri relatori".
 

Come Jonas Liliequist, professore presso il Dipartimento di studi storici, filosofici e religiosi dell'Università di Umeå (Svezia), che si concentrerà sul tema "Emotions Gender and generational Conflicts" (Emozioni, genere e conflitti generazionali), Guido Ruggiero, professore di storia all'Università di Miami, che discuterà di "Virtuous Women, Beastly Men, and Confused Boys: Gender and Generation in a Historian's Decameron" (Donne virtuose, uomini bestiali e ragazzi confusi: genere e generazione in un Decamerone degli storici) e Alberto Mario Banti, professore di Storia Contemporanea all'Università di Pisa, che si focalizzerà su "Visual Paths to Gender and Generation. An analytical Exercise" (Percorsi visivi su genere e generazione. Un esercizio analitico). Ma che cos'è la storia culturale?
 

"L'opposizione fra storia politica e storia culturale viene tematizzata nella seconda metà dell'Ottocento – racconta la prof.ssa Valera -. Peter Burke, uno dei più eminenti storici culturali viventi, scrive che oggi è molto evidente come all'idea stessa di "società" vada sostituendosi l'idea di "cultura". Oggi sono moltissimi i focus su cui la storia culturale accende il suo sguardo.

Fra tutti vale la pena di ricordare la costante attenzione alla fisicità dei "corpi in movimento", soggetti reali che si muovono in spazi concreti, più o meno perimetrabili, "visibili" e "posizionati".

Il convegno intende ripensare proprio questa modalità con riferimento al genere (femminile, maschile, gay, transgender) e gli statuti di organizzazione del sociale che vi sono incorporati e connessi, o alle generazioni, nel loro movimento fra modelli educativi e cambiamento.

Trieste è la cornice ideale di questo convegno per molte ragioni. Per la sua ricchezza multiculturale, che gli ospiti ascolteranno da subito nella voce di Mario Fragiacomo, durante il cocktail di benvenuto al Caffè degli Specchi.

Ma anche per il tema proposto, cui l'Università di Trieste e particolarmente il Dipartimento di Studi Umanistici, ma anche Centri di ricerca esterni all'Università (il Centro Studi e Documentazione per la Cultura Giovanile) dedicano particolare attenzione".

I lavori del Congresso si potranno seguire anche su Twitter (#ISCH2016 e @ISCHistory).

Per il programma completo:
http://webnews.units.it/allegati/Programma_definitivo_conf_annuale_g.pdf








--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI