Cerca nel blog

giovedì 25 febbraio 2016

Mart di Rovereto (Tr): un museo all'insegna dell'innovazione

Rovereto, una ridente cittadina in provincia di Trento, ospita uno tra i più importanti musei di arte moderna e contemporanea d'Italia, il MART.


La sede principale del Mart è incastonata tra due palazzi settecenteschi, in un edificio creato dall'architetto svizzero Mario Botta con la collaborazione dell'ingegnere roveretano Giulio Andreolli.

Al suo interno potrete vedere le numerose mostre temporanee che si svolgono e la collezione di oltre 20.000 opere sull'arte del Novecento che spazia dal Futurismo, al Novecento, passando per la Metafisica, l'Astrattismo, il Pop Art, l'Arte Povera fino alle esperienze artistiche più contemporanee.

Le opere della collezione permanente sono esposte a rotazione, compatibilmente all'attività espositiva temporanea.

Nato nel 1987 come ente funzionale della Provincia autonoma di Trento, il Mart opera oggi in tre luoghi distinti: a Rovereto la sede principale del Museo (un ampio complesso architettonico inaugurato nel 2002 su progetto di Mario Botta e Giulio Andreolli), la Casa d'Arte Futurista Depero e a Trento, la Galleria Civica. Quest'ultima sede è entrata a far parte del Mart, inaugurando i propri spazi nel centro storico di Trento, a ottobre 2013.

Per incuriosirvi vi citiamo solo alcuni dei nomi degli autori delle opere che troverete nelle sale de MART: oltre a Depero, spiccano i futuristi Balla, Carrà, Russolo, Severini, Prampolini, Thayaht e Tullio Crali. E poi i maggiori artisti italiani del Novecento: Medardo Rosso, Sironi, De Chirico, Morandi, Fontana, Vedova, Piero Manzoni, Boetti, Schifano.

Le mostre all'interno, offrono la possibilità di percorrere due secoli di storia dell'arte: dal Realismo dell'800 al nuovo progetto dei MASBEDO, attraverso la storia dell'arte italiana e internazionale.

Il tempo viene scandito dall'architettura del museo: il primo piano è dedicato all'ottocento e al primo novecento, il secondo piano agli anni più recenti, fino ai giorni nostri.

A questo punto prendetevi un giorno per nutrire la mente e gli occhi di una delle forme più belle dell'arte: la pittura


il bubris cristiano fabris


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI